Un testa a testa estenuante sul filo della decina di voti ha caratterizzato tutta la nottata di spoglio delle amministrative torresi.

Alla fine Vincenzo Ascione l’ha spuntata oltrepassando con uno scarto minimo la soglia del 50% più uno dei voti necessari per passare al primo turno. 

Circa 20 voti di scarto per il 50%

Al momento sembra siano circa una ventina di voti quelli che permetterebbero ad Ascione di indossare la fascia tricolore a Torre Annunziata.

Proprio per l’esigua quantità già si parla di un inevitabile ricorso da parte di Alfieri che chiederebbe un riconteggio che potrebbe modificare il risultato che al momento sembra acquisito.

Per Alfieri i conti ancora non tornano

Intanto l’ufficio stampa di Ciro Alfieri ha diramato una nota nella quale frena gli entusiasmi dei sostenitori di Ascione:

“Secondo fonti ufficiose il candidato sindaco del Pd Ascione avrebbe superato il quorum del 50%+1. Lo scarto totalizzato sarebbe di 20 voti. C’è una sezione all’Itis Marconi dove però le operazioni di voto sono state bloccate. Sul posto c’è sia la Digos che degli impiegati comunali che stanno cercando di far ripetere lo spoglio. Per limite temporale di legge è in arrivo anche un commissario dalla Corte d’Appello. Tutto questo non permette di dare l’ufficialità del dato che potrebbe sia confermare la vittoria di Ascione al primo turno, anche allargando il suo distacco, che evitarla. Inoltre oggi pomeriggio alle 15 è stata convocata anche la commissione elettorale centrale che come sapete è l’unica deputata a decretare un eventuale ballottaggio. Per avere il dato ufficiale quindi bisognerà attendere questi due organismi. Fino ad allora il candidato Alfieri aspetterà a rilasciare dichiarazioni per rispetto degli organi competenti.”