Euro, dollari e pesos falsi: due arresti a Napoli

Vistisi scoperti, i due fermati ammettevano di essere in possesso di soldi falsi, asserendo di averli acquistati da uno sconosciuto a Napoli, in piazza Garibaldi, al prezzo di 3 euro al pezzo

645

La Polizia di Stato ha tratto in arresto Gennaro Imparato e Nunzia Giannino, cittadini napoletani, entrambi classe ’89 e già noti alle Forze dell’ordine per precedenti di polizia, perché responsabili, in concorso, del reato di detenzione di monete contraffatte per metterle in circolazione.

Nell’ambito dei servizi in atto per la prevenzione e repressione dei reati, gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Campania e del Commissariato di P.S. Castel Volturno, intercettavano la coppia nel corso di un posto di controllo effettuato lungo la S.S. Domitiana nel territorio del comune di Castel Volturno.




L’atteggiamento sospetto tenuto dai due nel corso dell’accertamento induceva gli agenti ad eseguire una perquisizione personale estesa anche al veicolo sul quale viaggiavano. All’interno del vano portaoggetti dell’auto venivano rinvenute, avvolte in un fazzoletto, 20 banconote da 50 euro che al tatto risultavano evidentemente contraffatte.

Vistisi scoperti, i due fermati ammettevano di essere in possesso di soldi falsi, asserendo di averli acquistati da uno sconosciuto a Napoli, in piazza Garibaldi, al prezzo di 3 euro al pezzo. Gli agenti del Commissariato di P.S. di Castel Volturno procedevano a coinvolgere nell’indagine i colleghi dei commissariati di Napoli competenti per territorio in base alla residenza dei due fermati , ovvero Vicaria Mercato e Montecalvario –, al fine di procedere, nella flagranza del reato, a perquisizioni mirate presso le rispettive abitazioni.

L’attività consentiva di rinvenire altre banconote risultate contraffatte. In particolare nel corso della perquisizione eseguita dai poliziotti del Commissariato Vicaria Mercato presso l’abitazione di Imparato Gennaro venivano rinvenute altre 28 banconote contraffatte da 50 dollari ed 1 da 20 pesos.

Il personale del Commissariato di P.S. Montecalvario individuava inoltre, presso l’abitazione di Nunzia Giannino 3 banconote da 10 euro aventi lo stesso numero di seriale. Al termine degli atti di rito Gennaro imparato veniva condotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, mentre Nunzia Giannino presso il carcere di Pozzuoli, a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Tutte le banconote contraffatte, per un importo totale di circa 2500 euro, venivano sottoposte a sequestro.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteTorre Annunziata, incendio in un appartamento. Evacuato il palazzo
SuccessivoStudio dentistico abusivo sequestrato a Napoli: blitz della finanza
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.