Ecco le nuove aree del Centro “Facciamo breccia” di Salerno

Massiccia è stata la presenza dei vertici del Comune di Salerno. Il Sindaco Vincenzo Napoli e l’Assessore alle Politiche sociali Giovanni Savastano hanno sottolineato l’importanza del Centro

610

Il Centro ha sede nella ex scuola materna del quartiere di Mariconda; è attivo dal 2013 ed è
all’avanguardia per il trattamento di bambini autistici dai 18 mesi ai 12 anni di età.

È impegnato in attività di formazione per operatori, famiglie e insegnanti e promuove la conoscenza sull’autismo fra la popolazione e nelle istituzioni.




All’inaugurazione hanno preso parte numerose cariche istituzionali fra cui il Ministro della Coesione territoriale e del Mezzogiorno Claudio De Vincenti che ha mostrato grande attenzione al tema dell’autismo e ha ringraziato l’Associazione per quanto fa ogni giorno.

Massiccia è stata la presenza dei vertici del Comune di Salerno. Il Sindaco Vincenzo Napoli e l’Assessore alle Politiche sociali Giovanni Savastano hanno sottolineato l’importanza del Centro nel territorio e ribadito l’impegno della città di Salerno ad aiutare e sostenere le famiglie più bisognose.

Anna Boccaccio, segretario generale della fondazione BNL e Novella Pellegrini, segretario generale di Enel Cuore onlus, due dei donors che hanno contribuito alla ristrutturazione della palestra dell’atelier delle autonomie e degli spazi giochi all’aperto, hanno ringraziato l’Associazione per aver offerto alle rispettive organizzazioni di sostenere un progetto che risponde a un’esigenza acuta e crescente e hanno manifestato la volontà di contribuire ulteriormente a sostenere l’attività del Centro, una realtà che è diventata un punto di riferimento per il trattamento dell’autismo nel Mezzogiorno.

“In quattro anni – ha detto il presidente dell’Associazione Alberto Zuliani – il Centro si è preso cura di oltre 70 bambini, molti dei quali per più anni. Sono stati svolti corsi di formazione per le famiglie, sono stati avvicinati gli insegnanti, curricolari e di sostegno dei bimbi. Sono stati ospitati tirocini in convenzione con Università, tra cui Salerno e Federico II di Napoli e con Scuole di specializzazione in psicoterapia.

Sono stati intessuti rapporti con i Segretariati sociali del comune di Salerno. Attualmente
il centro ospita 36 bambini e sono attivi percorsi differenziati per rispondere alla domanda di famiglie provenienti da altre province campane e dalle regioni confinanti”.

“Il Centro è un’eccellenza del territorio, una dimostrazione che la sinergia fra istituzioni e privati può creare grandi opere per migliorare la vita dei cittadini e i rapporti sociali. “ ha detto il Ministro De Vincenti; e concludendo la manifestazione: “Il Centro promuove e dà concretezza alla politica del nessuno resti indietro.”

Nel corso dei vari interventi è stata espressa da molti la volontà di rafforzare l’azione del Centro in favore dei bambini autistici, nella consapevolezza che una diagnosi precoce e l’immediato trattamento possono migliorare di molto la loro qualità di vita subito e quando diverranno grandi.

L’evento, al quale hanno preso parte numerosi cittadini e genitori di bambini autistici, si è concluso con una grande festa allietata da musica live. L’intera manifestazione è stata trasmessa in diretta da Radio M.P.A. e ripresa da numerose tv e giornali locali. ì L’organizzazione è stata curata da Annalisa Milione di Lenus Media.

Nicola Mansi

Share