Castellammare, mobilità sostenibile: “Gli Amici della Filangieri” chiedono chiarezza all’amministrazione

1318

gli amici della filangieriVenerdì scorso si è svolta la prima delle tre pedalate previste per l’edizione 2017 di “E mò pedala!” e, nonostante l’inspiegabile assenza della polizia municipale, tutto è andato nel migliore dei modi. Buona l’affluenza di biciclette con circa 120 partecipanti, in notevole parte costituiti da famiglie con bambini, presenti al via, segno che le richieste dell’associazione “Gli Amici della Filangieri” per una città finalmente non più succube di auto e motorini sono sentite e condivise all’interno della comunità stabiese.

“Degno di nota il passaggio – spiegano i ragazzi -, del tutto casuale, del sindaco Antonio Pannullo sul luogo del raduno. Il primo cittadino, prontamente intercettato dagli organi di informazione presenti per documentare la nostra manifestazione, ha prima elogiato la nostra associazione e le nostre iniziative, e ha poi affermato che “Si può anche essere su posizioni diverse, ma è importante che in città si inizi a discutere con serenità intellettuale ciascuno nei confronti dell’altro”.

Ebbene, la nostra posizione è chiara da sempre e si può riassumere in due parole: mobilità sostenibile. Da qualche mese poi è diventata ancora più salda, con la richiesta di applicazione del “Piano Urbano del Traffico”, strumento che ricordiamo è stato più volte approvato in consiglio comunale e che di fatto è vigente, ed al quale quindi tutte le scelte dell’amministrazione in materia di mobilità devono di regola rifarsi”.

Mobilità sostenibile: l’amministrazione chiamata alla chiarezza

E’ arrivato il momento della chiarezza per “Gli Amici della Filangieri”: “La posizione della maggioranza politica rappresentata dal sindaco invece qual è? Ormai abbiamo lanciato la nostra richiesta da due mesi e, nonostante più incontri pubblici e privati sia col sindaco che con l’assessore Pino Rubino, non abbiamo mai ottenuto risposte. Del resto stiamo purtroppo assistendo ad una preoccupante sottovalutazione della questione della mobilità, nonostante tutti i problemi che da essa derivano, in primis il caos dovuto alle automobili incolonnate nel traffico e parcheggiate selvaggiamente ovunque. Il nostro Piano è stato redatto da un urbanista di fama nazionale molto sensibile ai temi della sostenibilità e vivibilità delle città. Se questa amministrazione non è d’accordo con la filosofia di fondo del Piano dovrebbe spiegarne i motivi ed iniziare un percorso politico che porti alla redazione di uno nuovo”.

Questo è quanto grosso modo avremmo comunicato al termine del ciclo di pedalate programmate, ma il casuale incontro di venerdì col Sindaco ha accelerato i tempi perché ponessimo ufficialmente la questione. Nei prossimi giorni ci concentreremo sui due appuntamenti che restano, continuando nella nostra opera di informazione e divulgazione. Chiediamo calorosamente agli stabiesi che sposano la nostra idea di città di partecipare alle prossime due pedalate per dire con chiarezza a questa amministrazione che Castellammare merita politiche di mobilità serie e lungimiranti, politiche che possono concretizzarsi soltanto seguendo un’oculata pianificazione, come del resto la legge prescrive”. Prossimo appuntamento con “E mò pedala!” e con “Gli Amici della Filangieri” domenica 2 luglio con raduno fissato alle ore 10:30 presso il Miramare.

Share