Castellammare, controlli a tappeto della municipale a Pozzano: due parcheggiatori sottoposti a daspo

1687

pozzanoDue parcheggiatori abusivi di Pozzano sottoposti a daspo urbano, ed oltre 50 verbali elevati grazie al sistema dello street control: è questo il bilancio dell’operazione svolta dal comando di Polizia Municipale, agli ordini del comandante Antonio Vecchione, su tutto il territorio di Castellammare di Stabia.

I due parcheggiatori abusivi sono stati intercettati nella mattinata di mercoledì da parte dei caschi bianchi nella zona dei lidi a Pozzano. I due sono stati sottoposti al daspo urbano, così come disposto dal nuovo decreto Minniti. Non potranno frequentare la città e i loro nominativi sono stati inviati alla Questura di Napoli. Secondo le nuove disposizioni il provvedimento vale anche come precedente. Infatti se dovessero essere nuovamente sorpresi a svolgere l’attività di parcheggiatore abusivo rischierebbero un provvedimento fino a due anni.

Si intensifica anche l’azione di controllo della città con lo street control, il nuovo sistema di supporto tecnologico, che consente di contrastare il fenomeno della sosta selvaggia e di verificare in tempo reale su un monitor se il veicolo posto sotto osservazione è in regola o meno con la revisione e l’assicurazione. Lo scorso week end sono stati circa 50 i verbali elevati (40 per revisione e una decina per le assicurazioni) per un totale di circa 150 veicoli controllati.

Task force dopo le denunce del gruppo consiliare del Pd

“Più controlli al rione dell’Acqua della Madonna e sanzioni ai parcheggiatori abusivi”. È quanto chiese qualche settimana fa il gruppo consiliare del Partito Democratico, invitando il corpo di polizia municipale ad organizzare anche servizi straordinari di controllo sul territorio, magari con l’ausilio delle altre forze dell’ordine.

Nonostante ciò e nonostante i controlli a tappeto della municipale, sono state tantissime le segnalazioni dei cittadini stabiesi alle prese con i parcheggiatori abusivi. Ormai sono presenti ovunque: corso Alcide De Gasperi, piazza Unità d’Italia, via Brin, via Duilio, via Mazzini. Appena scade l’orario utile per la sosta a pagamento, entrano in gioco loro obbligando la popolazione innocente a consegnare loro del denaro.