Inchiesta Consip: il pm di Napoli Henry John Woodcock è indagato dalla Procura

L'inchiesta sui due riguarda la pubblicazione, alcuni mesi fa, da parte del Fatto Quotidiano, di un articolo sulla fuga di notizie che coinvolge il ministro Lotti e alti ufficiali dei carabinieri

630

henry john woodcock consipIl Pm di Napoli Henry John Woodcock è indagato dalla procura di Roma, nell’inchiesta Consip, per rivelazione di segreto d’ufficio. Per concorso nel reato è indagata anche la giornalista Federica Sciarelli.

L’inchiesta sui due riguarda la pubblicazione, alcuni mesi fa, da parte del Fatto Quotidiano, di un articolo sulla fuga di notizie che coinvolge il ministro Lotti e alti ufficiali dei carabinieri (tutti hanno sempre respinto l’addebito) attraverso la quale i dirigenti della Consip sarebbero venuti a conoscenza dell’inchiesta avviata dai Pm napoletani sulla stessa Centrale Acquisiti. Sciarelli avrebbe fatto da tramite tra il Pm e il giornalista del Fatto.




“Ho assoluta fiducia nei colleghi della procura di Roma – ha detto Woodcock – e sono quindi certo che potrò chiarire la mia posizione, fugando ogni dubbio ed ombra sulla mia correttezza”. “Non posso aver rivelato nulla – ha detto Sciarelli – perché Woodcock non mi svela nulla delle sue inchieste”.

Continua così il valzer sull’inchiesta Consip che ha portato in carcere il noto imprenditore campano Alfredo Romeo. Tra responsabilità prima quasi certe poi di fatto confutate di familiari di noti politici nazionali, tra cui Tiziano Renzi padre dell’ex premier Matteo, prende corpo una vicenda che presenta continui colpi di scena.

Ad aver sbagliato prima un encomiato capitano dei carabinieri, Gianpaolo Scafarto, poi, ovviamente circostanza tutta ancora da provare, niente di meno che Henry John Woodcock, considerato uno dei Pm più in vista di Napoli per la delicatezza delle inchieste ad oggi condotte.

L’opinione pubblica è spaccata in due: c’è chi grida al complotto contro la famiglia Renzi, alla persecuzione contro Romeo e chi invece ipotizza che l’ufficiale dell’Arma e il Pm di Napoli abbiano toccato poteri troppo forti e che ora ne paghino le conseguenze. La parola ovviamente spetta adesso alla magistratura: conveniamo con il pensiero di Woodcock che ripone massima fiducia nei colleghi capitolini certo di una rapido e benevole esito del procedimento che lo vede indagato.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteUsura, estorsione e violenze: sgominata banda a Castellammare. Emesse 5 misure cautelari
SuccessivoPonticelli: perseguitava la sua ex fidanzata, indagato 16enne
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.