Rapinano un supermercato ed un centro scommesse: due arrestati a Casalnuovo

I 2 avevano addosso la scacciacani con cui avevano minacciato i commercianti e parte del bottino, 350 euro, recuperati e restituiti alle vittime della rapina

770

I Carabinieri dopo un articolato inseguimento per via Nazionale delle Puglie a Casalnuovo hanno arrestato ad Arpino di Casoria per rapina in concorso Luca Giovanni Rao, 36enne di Acerra e Giuseppe Salvato, 38enne di Afragola, entrambi già noti alle forze dell’ordine.

Nel loro obiettivo gli incassi del sabato: poco prima dell’orario di chiusura, con altri 2 complici, armati di pistola e con volto travisato, avevano rapinato un supermercato e un centro scommesse a Pomigliano d’Arco. Immediatamente dopo le rapine è giunta una telefonata al 112.




La Centrale Operativa di Castello di Cisterna ha comunicato alle pattuglie in zona che c’erano 4 rapinatori in fuga e nel giro di qualche minuto i militari hanno avvistato uno scooter corrispondente alla descrizione che sfrecciava lungo la via nazionale delle puglie a Casalnuovo. I militari hanno inseguito il Beverly con in sella 2 soggetti fino ad Arpino di Casoria dove sono riusciti a bloccare i fuggitivi.

I 2 avevano addosso la scacciacani con cui avevano minacciato i commercianti e parte del bottino, 350 euro, recuperati e restituiti alle vittime della rapina. Dopo le formalità Rao e Salvato sono stati tradotti a Poggioreale. Serrate le ricerche da parte dei carabinieri per identificare e arrestate gli altri 2 responsabili delle rapine. La prontezza d’intervento e la professionalità degli uomini della Benemerita hanno dato un lieto fine all’ennesimo episodio di violenza registrato sul territorio.

Ormai furti e rapine non si contano più nella zona: le forze dell’ordine manterrebbero alto il livello di guardia monitorando costantemente i luoghi ed effettuando controlli preventivi a noti pregiudicati della zona a ritmo incalzante. Un segnale incoraggiante per i cittadini che ormai vivono nel terrore di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteSagra del Fiordilatte, ad Agerola torna il gusto dell’estate
SuccessivoPomigliano, violenza sessuale sulla stazione Circum: preso 45enne
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.