Napoli, alto impatto a Forcella: sequestrate armi e droga

La pistola Beretta 98FS risultava essere stata rubata il 15 giugno scorso. Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato a carico di ignoti e posto a disposizione dell’autorità giudiziaria

564

Nell’ambito dell’operazione “Alto Impatto” nella zona di Forcella, nel pomeriggio di sabato la Polizia di Stato ha controllato 200 persone, 70 delle quali gravate da precedenti di Polizia. Sono state elevate 25 contravvenzioni al codice della strada e 10 motorini sono stati sequestrati.

Effettuate nel contempo alcune perquisizioni, e, nel corso di una verifica in uno stabile ubicato nella via Salvatore Trinchese al civico 10, sedente alle spalle del noto teatro Trianon, i Falchi della Squadra Mobile hanno rinvenuto una cassaforte nel muro di un terrazzo sito al secondo piano.




Non riuscendo a rintracciare alcun proprietario della cassaforte, i poliziotti hanno sradicato la stessa dal muro, accorgendosi che solo la porta anteriore era blindata mentre il retro era aperto ed hanno rinvenuto: 1 pistola Beretta mod. 92 FS con matricola abrasa, caricatore senza cartucce, canna con matricola e puntatore laser, tutto stipato in un plico, 1 pistola Beretta mod. 98FS con due caricatori privi di cartucce, chiusi all’interno di un plico, 4 scatole di munizioni chiuse e sigillate, 11 cartucce calibro 9 mm. Marca Luger contenute in un plico, un bilancino elettronico di precisione, 1 pietra di sostanza di colore biancastro risultata essere cocaina per un peso di gr. 350 e infine sostanza erbacea di colore verde risultata essere marijuana per un peso di circa 905 grammi.

La pistola Beretta 98FS risultava essere stata rubata il 15 giugno scorso. Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato a carico di ignoti e posto a disposizione dell’autorità giudiziaria. Un’operazione che testimonia il livello di guardia sempre alto nella zona da parte delle forze dell’ordine: spira una brutta aria all’interno del sistema operante nel cuore storico di Napoli. I vecchi clan sarebbero interessati da conflitti interne e attacchi violenti da parte di baby gang oltremodo ramificate sul territorio. La parola d’ordine per le uniformi di Stato è prevenire e reprimere sul nascere stese e agguati per salvaguardare la pubblica sicurezza e la qualità d’esistenza dei cittadini.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedentePolizia di Stato e del Cuerpo Nacional de Policia in servizio per le strade di Roma e Napoli
SuccessivoLe nuove luci dell’antica Pompei. Franceschini: “Un esempio per il mondo”
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.