Femminicidio nel Casertano: 49enne uccisa a colpi di pistola

L'anno scorso la donna era stata accoltellata dal marito, che è in carcere. L'ha uccisa forse perché la relazione stava finendo

1314

Una donna, Maria Tino di 49 anni, è stata uccisa a Dragoni, nel Casertano, con tre colpi d’arma da fuoco al torace. I carabinieri hanno fermato il convivente, il 61enne Massimo Bianchi, sequestrando anche l’arma usata. L’omicidio è avvenuto in strada, in una piazzetta ubicata a pochi passi dall’abitazione della donna.




L’anno scorso la donna era stata accoltellata dal marito, che è in carcere. L’ha uccisa forse perché la relazione stava finendo, e poi ne ha vegliato il corpo in attesa dei carabinieri e impedendo a chiunque di avvicinarsi. Così il 61enne, dipendente della Comunità Montana di Monte Maggiore (Caserta), ha posto fine alla vita della sua compagna, lavoratrice socialmente utile e sarta, con due figli.

La donna, secondo una prima ricostruzione, era seduta su una panchina nei pressi della chiesa. Bianchi è arrivato in auto dopo aver fissato un appuntamento con la donna, è sceso, ha estratto la pistola ed ha sparato a bruciapelo. Maria Tino, ha riferito un testimone oculare, ha urlato “no” all’indirizzo dell’uomo prima di essere finita con tre colpi. Un dramma della gelosia, a quanto sembra, consumato in pochi fatali attimi che non hanno lasciato scampo alla vittima.




Ecco che ancora una volta l’amore malato si trasforma in desiderio ossessivo di possesso, in dominio assoluto sull’altro inteso come proprietà privata. Alla persona pseudo amata non è concesso di porre fine alla relazione, di manifestare magari dubbi sulla concretezza del sentimento nutrito nei confronti del partner: pena la morte. E’ quanto molto probabilmente accaduto a Maria Tino massacrata da Massimo Bianchi senza alcuna pietà.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteTorre Annunziata, questa mattina i funerali delle vittime del crollo: “C’era una volta una famiglia felice”
SuccessivoNapoli, aggredisce e rapina 75enne: arrestato dai carabinieri
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.