Arrestato il manager dell’ospedale di Caserta: è il cugino del boss Iovine

Nel corso dell'operazione sono finite ai domiciliari altre sette persone. Si tratta di dirigenti ospedalieri e imprenditori. La richiesta di arresto è stata formulata dalla procura di Santa Maria Capua Vetere

1367

Finisce in manette il manager dell’ospedale di Caserta. Con un blitz della Dia di Napoli all’alba si è dato seguito ad indagini iniziate nel 2013 sull’unica azienda ospedaliera d’Italia commissariata per infiltrazioni mafiose. Dopo due richieste d’arresto avanzate dalla Dda di Napoli, il Gip ha accolto l’istanza di misura cautelare nei confronti del medico e manager Carmine Iovine, cugino dell’ex boss Antonio, alias “’o ninno”.




Ai domiciliari altre sette persone tra dipendenti dell’ospedale e imprenditori. Ulteriori sedici risultano indagati in stato di libertà. Si tratta di dirigenti ospedalieri e imprenditori. La richiesta di arresto è stata formulata dalla procura di Santa Maria Capua Vetere, ufficio inquirente che ha recepito quanto ricostruito nelle centinaia di accessi della Dia in ospedale a Caserta nel corso delle indagini guidate dal sostituto procuratore antimafia Annamaria Lucchetta.

Il manager ospedaliero Iovine sarebbe stato secondo l’accusa il regista degli appalti per i servizi banditi per l’azienda ospedaliera. Dalla gestione della sala mortuaria e delle cartelle cliniche al prelievo e allo smaltimento dei rifiuti speciali, dalla manutenzione edile alla lavanderia, dalla pulizia degli ambienti fino alla ristorazione e alla mensa. Le pressioni di Iovine sarebbero state enormi così come l’influenza del camice bianco persino sui controlli che avrebbero dovuto tenersi periodicamente per verificare il corretto operato delle ditte che lavoravano per l’ospedale.




Alcuni si prestavano in cambio di favori come l’accesso della figlia alla scuola di oculistica. Le ispezioni non venivano eseguite ma Iovine falsificava la documentazione per evitare problemi in caso di controlli approfonditi da parte delle istituzioni competenti. Al manager non sarebbe stata contestata l’aggravante del metodo mafioso. Carmine Iovine vanta parentele scomode: infatti è il cugino dell’ex ras Antonio Iovine. Tuttavia per il Gip Federica Villano Iovine avrebbe agito nell’interesse personale e non per quello del sodalizio criminale cosiddetto dei Casalesi.

Nel corso dell’operazione sono finite ai domiciliari altre sette persone: Marco Napolitano, Antonio Alterio, Nicola Buonafede, Pasquale Picazio, Michele Tarabuso amministratore unico della Des S.r.l., Frank Maximilien Eusepi, dirigente della società “Servizi Ospedalieri” e Domenico Ferraiuolo, imprenditore già condannato nel processo concluso il mese scorso. Complessivamente però gli indagati sono 24. Per gli altri si procede in stato di libertà in quanto il Gip ha respinto la richiesta di arresto. Si tratta di dipendenti dell’ospedale, di imprenditori e di consulenti. Rispondono, a vario titolo e in concorso, di corruzione, falso in atto pubblico continuato, abuso d’ufficio.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteSicurezza sul lavoro: una battaglia da non abbandonare mai
SuccessivoTorre Annunziata, Ascione: «ecco la nuova giunta comunale»
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.