Castellammare, il Vernotico si colora di nero: possibile cenere dopo gli incendi?

1769

vernoticoNella giornata di ieri era arrivata la denuncia del Circolo Legambiente Woodwardia di Castellammare sulla pericolosità del rivo “Vernotico” e “Cannetiello” che ancora oggi rilasciano nel mare stabiese diverse sostanze inquinanti. Dopo la pioggia notturna, lo spettacolo di questa mattina era desolante: il rivo si è colorato di nero. Un colore scurissimo che ha fatto scattare l’allarme dei volontari di Legambiente e di tutta la popolazione residente.

Sono state fatte tante ipotesi in merito al colore del rivo in questione. Possibile, visti gli episodi del passato, qualche scarico allacciato abusivamente al “Vernotico”. Da non trascurare anche la pista che porta direttamente agli incendi che hanno sconvolto i Monti Lattari nelle ultime settimane. Vista la mancanza di pioggia da due mesi, all’interno del “Vernotico” si sarebbe depositata diversa cenere che poi è stata trasportata direttamente a Castellammare con la pioggia di stanotte. Ciò non toglie che il mare stabiese si arricchisce ogni giorno di sostanze inquinanti mentre a pochi metri di distanza diversi cittadini si bagnano nonostante i divieti.

Il commento del Circolo Legambiente Woodwardia

“Sono bastate le poche gocce d’acqua di questa notte a far cambiare nuovamente colore all’acquifero in questione. Così come il 02.07.2017 anche oggi il “Vernotico” diventa nero nero. Secondo voi, a cosa è dovuto questo strano fenomeno?” spiegano i volontari di Legambiente. Diverse le ipotesi fatte nelle ultime ore ma resta il problema degli scarichi. Mentre Pannullo assicura la balneabilità entro due anni, Castellammare deve fare i conti sempre con gli stessi problemi di ogni anno.

Legambiente Woodwardia, ieri, lanciò l’allarme: “Il “Vernotico” e il “Cannetiello” raccolgono tutti gli scoli dei comuni di Pimonte, Casola, Gragnano e Castellammare di Stabia. Nonostante ciò le spiagge del Corso Alcide de Gasperi e della Villa Comunale sono strapiene di bagnanti! Quanto aspetteremo ancora affinché il problema delle fogne a mare sia risolto?”.