Street art, una nuova opera al Parco dei Murales di Ponticelli

La Fille Bertha, al secolo Alessandra Pulixi, ha così sviluppato una coloratissima icona che protegge ed accoglie due minori, due suoi figli, nelle ali del suo ampio mantello

La Fille Bertha Parco dei Murales Ponticelli (1)Si intitola “‘A Mamm’ ‘e Tutt’ ‘e Mamm'” l’ultimo intervento firmato dalla talentuosa street artista sarda La Fille Bertha nel Parco dei Murales di Napoli Est, per celebrare il valore della maternità.

Dopo aver attivato nei mesi scorsi laboratori creativi con bambini, adolescenti e mamme del Parco, ancora una volta INWARD Osservatorio sulla Creatività Urbana (Associazione Culturale Arteteca), titolare e produttore del programma socioculturale Parco dei Murales, ha trasformato le idee di una comunità in una coloratissima opera d’arte. Tramite attività di disegno, fotografia e lettura sono difatti emersi nuovi valori, passioni, coraggio e parità di diritti: questi gli input raccolti da La Fille Bertha che proprio domenica ha concluso la quinta grande opera di street art all’interno del noto distretto dedicato alla creatività urbana, questa volta grazie al supporto della SIAE (bando nazionale per le periferie urbane Sillumina)

La Fille Bertha, al secolo Alessandra Pulixi, ha così sviluppato una coloratissima icona che protegge ed accoglie due minori, due suoi figli, nelle ali del suo ampio mantello. Si tratta di una rivisitazione della “Madonna della Misericordia”, notissima ai pittori quattrocenteschi e famosa nella versione dipinta da Piero della Francesca, che in tal caso vuole rappresentare la maternità come dono e miracolo, mai come peso o fastidio.

L’intervento è stato curato da INWARD Osservatorio sulla Creatività Urbana per concludere la prima parte del vasto programma che continuerà nei prossimi mesi nell’ambito del bando Sillumina indetto dalla SIAE e vinto da INWARD per la valorizzazione delle periferie urbane con il progetto “Il Parco dei Murales”. Entro il 2017, infatti, sarà realizzata un’altra grande opera firmata anche questa volta da un grande street artista, a valere sul tema rilevato dalla comunità residente grazie ai laboratori, e saranno implementati i tour di street art per conoscere il significato di tutti gli interventi.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteScheletri della Villa B di Oplontis. Legami di parentela, individui in salute, ma con denti non sani
SuccessivoCaivano: 8 minori di origini africane ospiti di cooperativa sequestrano il responsabile per denaro e documenti
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.