Castellammare di Stabia: rapina in gioielleria, preso dai carabinieri l’ultimo complice

È stato identificato il quarto complice, colui che imbracciava il fucile e che percosse il gioielliere perché era “poco collaborativo”

2315

furgone e macchina dei rapinatori con frecceIl 23 marzo a Castellammare di Stabia, quattro balordi rapinarono a mano armata un gioielliere, prima ferito con un taglierino e poi minacciato con un fucile a canne mozze.

Nella foto il furgone e la macchina dei rapinatori -con frecce- poco prima della rapina.

Tre dei quattro complici furono arrestati dai carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia stabiese il 12 giugno in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per rapina aggravata, lesioni aggravate, porto e detenzione illecita di arma clandestina e ricettazione.

È stato identificato il quarto complice, colui che imbracciava il fucile e che percosse il gioielliere perché era “poco collaborativo”.

Già detenuto a Poggioreale, Pasquale Cucciniello, 55enne, di Giugliano in Campania, è stato raggiunto dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Torre Annunziata che prolunga la sua permanenza in carcere.

Share