Napoli, 4 fermi per tentata estorsione a carico di elementi del clan Sequino – VIDEO

Di fronte al mancato pagamento i criminali passavano alle vie di fatto

1322
I Carabinieri della Compagnia di Napoli Stella hanno dato esecuzione a un fermo di indiziato di delitto emesso dalla D.D.A. di Napoli per tentata estorsione aggravata da finalità mafiose nei confronti di quattro soggetti ritenuti affiliati al clan camorristico dei “Sequino”, egemone all’interno del rione nel traffico di droga e nelle estorsioni ai danni di commercianti, parcheggiatori abusivi e cantieri edili.
I soggetti fermati, tutti del Rione Sanità e già noti alle Forze dell’Ordine, sono:
Pasquale Amodio, 44enne, Francesco Grasso, 50enne, Ciro Minei, 23enne, Gennaro Passeretti, 27enne.
Le indagini dei Carabinieri, coordinate dalla Procura Antimafia, hanno riguardato le richieste estorsive rivolte ad alcuni commercianti della zona a cui il clan aveva imposto il versamento periodico di somme di denaro e, in alcuni casi, anche l’istallazione di slot machine.
Di fronte al mancato pagamento i criminali passavano alle vie di fatto, come è accaduto per un’attività a cui due soggetti con volto coperto da casco integrale hanno dato alle fiamme la saracinesca cospargendo del liquido infiammabile.
Nonostante il clima di omertà a cui soggiace l’intero quartiere, le indagini hanno permesso di identificare in breve tempo gli autori delle tentate estorsioni, nei cui confronti è stato emesso il fermo anche per scongiurare che si verificassero conseguenze più gravi ai danni delle vittime, vista l’escalation di violenza in caso di rifiuto di aderire alle richieste estorsive.
Localizzati e fermati, i quattro sono stati associati al Centro Penitenziario di Secondigliano.
Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano