“Le Vie del Mare”, da domani corse raddoppiate. Ascione: “l’anno prossimo per un’organizzazione più adeguata”

«Si tratta di un servizio sperimentale, anche a causa del fatto che al porto non sussistono ancora adeguate infrastrutture, in fase di ricerca congiuntamente all’operato della Capitaneria di Porto».

2894

vie del mare porto torre annunziataA distanza di un mese dall’inaugurazione, continuano i disservizi de “Le Vie del Mare“. A nulla sono valsi gli «opportuni chiarimenti» del sindaco di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione, avvenuti in seguito ai disagi della giornata di Ferragosto.

Sotto il solleone di martedì 15, centinaia di cittadini torresi si sono recati al porto per raggiungere altre località con il nuovo metrò del mare. Senonché l’irreperibilità dei biglietti già da giorni, l’interminabile attesa per gli utenti sono stati fatali. Molti aspiranti viaggiatori hanno abbandonato la fila e la partenza è avvenuta in ritardo.

Il primo cittadino ha specificato che «chiunque voglia usufruire del servizio può acquistare il biglietto attraverso due diverse modalità:
1) presso la biglietteria ufficiale, il Bar Ittico;
2) online, sul sito www.alilauro.it nella sezione booking.

Inoltre, la scarsa accoglienza al porto, che è consistita nella lunga attesa sotto al sole e nel disordine generale, è frutto del fatto che il progetto è partito in ritardo, ad estate inoltrata, ma con l’intento di rendere il relativo servizio immediatamente fruibile da parte dei cittadini. Ciò ha reso impossibile un’organizzazione adeguata».

Ebbene gli utenti dovranno tirare avanti fino alla prossima estate, quando, Ascione ha promesso, «la dovuta accoglienza sarà garantita ed organizzata dalla Regione Campania e dalla società che si è aggiudicata l’appalto».

Così stamattina il primo déjà vu: trenta persone rimangono sulla terraferma. Alla base del disservizio, stavolta, la mancanza di ticket.

«Mi scuso personalmente con tutti coloro che stanno subendo questi disagi – commenta il sindaco -, la bellezza dei nostri luoghi non merita la superficialità con la quale vengono erogati determinati servizi. La vendita dei biglietti deve essere informatizzata, visto che i porti sono tanti e che i posti sono limitati. Ringrazio ancora una volta il comandante del porto Alberto Comuzzi che assicura il massimo della sicurezza nello svolgimento del servizio pur in un contesto difficile come il nostro».

La compagnia Alilauro, già prevede la possibilità di acquisto online, oltre a quello cartaceo, tant’è che nella replica al primo cittadino oplontino «invita l’utenza ad affidarsi ai mezzi online attraverso il sito www.alilauro.it e/o la app Alilauro Ship scaricabile gratuitamente dagli Store Android ed Apple, anziché all’acquisto last minute».

«Ci dispiace molto per la situazione creatasi, che si lega ad un momento particolare, quello di dover iniziare a gettare le fondamenta per un servizio alternativo basato sui trasporti via terra – commentano gli armatori -. Quanto stamani è accaduto all’imbarco Archeo Linea di Torre Annunziata è la riprova di quanto importante sia l’utilizzo delle Vie del Mare come mezzo alternativo alla mobilità tradizionale.

Tuttavia, si tratta di un servizio sperimentale, anche a causa del fatto che al porto non sussistono ancora adeguate infrastrutture, in fase di ricerca congiuntamente all’operato della Capitaneria di Porto.

Se non da domani – concludono -, faremo il possibile per far sì che, dalla prossima settimana, il servizio venga ampliato con l’impiego di un mezzo di trasporto di stazza più grande».

Stasera la conferma. Da domani ci sarà il raddoppio delle corse, così come si legge sul profilo Facebook di Ascione. «Vorrei adesso ringraziare – scrive – la consigliera regionale Loredana Raia che insieme al presidente della commissione trasporti della Regione Luca Cascone si sono immediatamente attivati per rimediare alla defaillance di stamattina ed hanno autorizzato fin da domani il raddoppio delle corse. Il ringraziamento si estende chiaramente anche alla società Alilauro. Resta inteso che complessivamente il servizio sarà migliorato per l’anno prossimo nella speranza che venga colto anche il vero obiettivo delle archeo linee cioè quello di portare turisti a visitare le nostre risorse archeologiche».

Share