Un ferito e ville distrutte dalle fiamme. Cancellati 18 ettari di boschi (in un video gli spostamenti del presunto piromane con la sua motoape).

“Non so perché l’ho fatto, ho preso i fiammiferi e ho dato fuoco” è l’ammissione resa agli investigatori dal presunto autore del devastante incendio di ferragosto, arrestato ieri dai Carabinieri della Stazione di Vico Equense in esecuzione di un decreto di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata.

Si tratta di C.D., 60enne di Vico Equense già noto alle forze di polizia, gravemente indiziato di aver causato un incendio boschivo esteso con danni persistenti all’ambiente.

incendio-monte-faitoPer domare le fiamme, due canadair, due elicotteri e squadre dei Vigili del Fuoco a terra hanno lavorato incessantemente il 15 e il 16 agosto, soprattutto per impedire che le fiamme potessero propagarsi alle aree residenziali della località Faito.

Il fermato, identificato sin dalle prime ore, in un primo momento ha negato le responsabilità fornendo un alibi, ma grazie all’accurata ricostruzione dei Carabinieri svolta attraverso testimonianze e immagini del sistema di video sorveglianza comunale, ha poi ammesso di essere il responsabile dei fatti. In pratica il 60enne, all’alba della mattina di Ferragosto, avrebbe raggiunto la località “Conca” del Monte Faito e avrebbe incendiato il bosco.

La sera del 15 agosto, interrogato dai p.m. della procura oplontina, il 60enne vicano ha confermato la sua versione dei fatti: così, grazie agli esiti investigativi che hanno indotto C.D. alla parziale ammissione, è stato emesso il decreto di fermo.

I danni causati dalle fiamme sono stati devastanti per ambiente e turismo, con una colonna di fumo visibile da tutto il golfo di Napoli che la mattina del ferragosto ha coperto la penisola sorrentina.

Momenti di panico anche per i turisti già presenti sul monte, per i quali è stata riaperta eccezionalmente l’inagibile strada privata di collegamento con il versante stabiese della montagna.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteChampions, Napoli-Nizza 2-0. La qualificazione tra una settimana in Francia
SuccessivoSorrento, Casarlano: Progetti d’Autore IX, “Le Anime di Lucio Battisti”
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.