Malasanità, Borrelli (Verdi): dal caso Loreto Mare alla vicenda 118, denunce partite dalla maggioranza

Stiamo facendo pulizia ed eliminando le mele marce. Da opposizione solo sciacallaggio e tutela dei privilegi, nessun contributo

1156

“Trovo semplicemente patetico il tentativo di intestarsi meriti per l’operazione di grande trasparenza e di rimozione delle mele marce che la Regione sta portando avanti nel settore della sanità pubblica, fatto da alcuni consiglieri dell’opposizione la cui attività politica finora ha assunto i toni del mero sciacallaggio o, in alternativa, quello della difesa di privilegi e prebende frutto di un vecchio modo di fare politica.

L’obiettivo ambizioso di riportare la sanità campana ai primi posti in Italia e in Europa è partita con determinazione su chiaro input del presidente De Luca e condizione fondamentale per raggiungere il risultato è stata quella di porre fine alla politica del far finta di non vedere tutto il marcio che c’è nelle strutture sanitarie pubbliche della nostra regione rimuovendolo all’istante.

Francesco Emilio Borrelli

Al tempo stesso è stata posta in essere una politica che consente a medici e operatori sanitari capaci e volenterosi, che sono la stragrande maggioranza, di non vedersi più costretti a coprire i furbetti del cartellino o i truffatori delle assicurazioni potendo invece dedicare la loro attività professionale al miglioramento della qualità dei servizi sanitari. In tutto questo non ricordo alcuna iniziativa concreta posta in essere né dal M5S, sempre pronto a sciacallare sugli eventi drammatici, né dai consiglieri di Forza Italia, paladini delle smentite e della difesa a spada tratta di privilegi e favori”. Lo ha dichiarato il consigliere Francesco emilio Borrelli, componente della commissione Sanità.