Ercolano, emergenza incendi. Fiengo: “Più impegno, meno guru da tastiera”

“Ritengo che ognuno di noi – ha precisato Fiengo – debba compiere il proprio dovere nel rispetto dei ruoli e delle competenze specifiche"

1291

“Stiamo offrendo il nostro contributo alla bonifica di una città che amiamo da sempre e della quale siamo onorati di essere figli. Lusinga riscontrare la gratitudine dei cittadini che manifestano sempre più copiosi soddisfazione per gli ottimi risultati raggiunti in difesa della civiltà e della qualità d’esistenza degli ercolanesi.




I polemici ci saranno sempre e con loro i guru della tastiera ai quali sorridendo con simpatia ricordiamo che forse sarebbe più utile dare una mano che scrivere sermoni contro Tizio e Caio, noiosi, sterili e palesemente dettati da rancori legati a invidie mai sopite.

Ricordo inoltre che per qualsiasi specifico chiarimento resto a disposizione della cittadinanza, in qualità di vice sindaco, presso il Palazzo di Città. Sempre fieri di essere Ercolanesi”: inequivocabili le parole a Ercolano del vice sindaco Luigi Fiengo, sempre in prima linea nell’emergenza incendi che recentemente ha devastato le aree verdi delle comunità del Vesuvio e pronto a fronteggiare le innumerevoli inefficienze che ancora penalizzano la città.




Fiengo non cerca riconoscimenti o meriti però ma solo la sana complicità dei cittadini per il bene comune: “Ritengo che ognuno di noi – ha precisato Fiengo – debba compiere il proprio dovere nel rispetto dei ruoli e delle competenze specifiche senza per questo vedere nell’espletamento dello stesso meriti straordinari. Alla base di tutto occorre agire in buona fede, essere pronti al dialogo e alle critiche costruttive che aiutano a migliorare il nostro lavoro.

Il rinnovamento qualitativo di una città deve coinvolgere ogni membro della stessa: nulla si improvvisa o si realizza dall’oggi al domani. Con certosina pazienza e amore per Ercolano dobbiamo aggiungere un tassello dopo l’altro nella creazione di un mosaico urbano che sia all’altezza della tradizione storico – culturale del paese. Non è più tempo di guardare freddamente ai colori politici o alle fazioni: occorre al contrario agire concretamente e in tempi utili per fare fronte alle sacro sante rivendicazioni degli ercolanesi.




Fatti e non chiacchiere per chi non ha mai smesso di credere nella propria terra d’origine”. Chi conosce il vicesindaco Luigi Fiengo sa che si tratta di un uomo forte, leale, di un professionista che ha sempre mantenuto quanto promesso dando enorme importanza alla propria parola. Della serie: con Fiengo, con il governo locale e con i cittadini per un’Ercolano migliore.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteAtrani: gusto, tradizione e spettacolo. Ecco la rivolta di Masaniello
SuccessivoSant’Antonio Abate: giubbotto antiproiettile e pistola nel terreno che zappava
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.