Annone: “Ridare dignità a Volla. Mi fa male vedere la città abbandonata”

“Mi aspetto che questo piccolo gruppo diventi un grande insieme di persone che vogliono fare bene e del bene sul territorio, che ci sia aggregazione e che si ragioni su un unico obiettivo: il bene del paese”

3043

“È per me un onore essere candidato sindaco alle prossime elezioni e ringrazio, per la fiducia datami, Fratelli d’Italia e le associazioni ‘Gesù Bambino’ e ‘Comitato Disabili di Volla’. Il mio obiettivo, al momento, è ampliare questo discorso ai diversi partiti presenti sul territorio” sono queste le parole di Giuseppe Annone dopo l’annuncio, da parte del partito di centrodestra, della sua candidatura alle prossime elezioni comunali.

Il primo nome è quindi emerso proprio in questi primi giorni di settembre, andando così a rompere da una parte il silenzio politico e dall’altra le diverse voci sul territorio per il toto-nome sindaco. Si iniziano, così, a muovere i primi passi verso le elezioni previste per la prossima primavera che porteranno ad una nuova giunta comunale dopo questo anno di commissariamento.

“Mi aspetto che questo piccolo gruppo diventi un grande insieme di persone che vogliono fare bene e del bene sul territorio, che ci sia aggregazione e che si ragioni su un unico obiettivo: il bene del paese”. Ha aggiunto Annone che continua: “Sto dialogando, proprio per questo, sia con le liste civiche che con i partiti di centro destra presenti nella nostra cittadina. La mia volontà resta quella di aggregare dato che fin’ora gli obiettivi e i programmi sono collimanti. È normale che, ci sono e ci saranno voci fuori dal coro, modi di vedere non proprio univoci, ma sono cose che si possono limare. Sono molto fiducioso e ho una buona sensazione sul tutto”.

Il nuovo candidato sindaco, non nasconde l’attaccamento al territorio e la sua volontà di arginare le situazioni che al momento peccano: “…mi fa male vedere il paese che versa in queste condizioni. Da residente e originario di Volla, sento il paese anche mio e vederlo così non è bello, anche per questo mi fa piacere scendere in prima persona in campo. Ci sono tante cose sul territorio che funzionano – afferma Annone – ma c’è bisogno di una regolamentazione che aiuti a risollevare alcune problematiche come la viabilità, l’apertura delle villette, la pubblicità sul territorio, la cementificazione. Sono temi sentiti già ma che alla fine non sono stati mai regolamentati, ne affrontati seriamente. Se non viene creato un regolamento che disciplini il tutto, che dia norme da seguire, continuerà a esserci solo disordine. D’altro canto c’è anche una problematica legata ad una politica che da più di dieci anni non riesce a concludere l’obiettivo che si prefissa in campagna elettorale”.

Per quanto riguarda invece il presente, il candidato sindaco afferma che il suo impegno per il territorio non è mai calato sin dai tempi dell’amministrazione Ricci: “Mi sto già muovendo per capire come reperire i fondi per le diverse questioni che assillano Volla come le fogne, i marciapiedi, la viabilità per far si che il bilancio del comune non gravi sulle tasche dei cittadini”. Molto chiare anche le idee per l’attuale situazione comunale e per i prossimi mesi: “Il commissario deve fare il commissario, la politica in questa fase non può e non deve intromettersi. Visto e considerato che la stessa ha fallito, il commissario deve essere libero di poter fare le sue scelte – commenta Annone- da questo momento, inoltre, per me è importante, e mi preme sottolinearlo, che non parlerò né ora né mai delle altre amministrazioni e dei miei futuri antagonisti, ma parlerò esclusivamente di quello che vogliamo fare noi, come gruppo, per il bene del paese. Le persone dovranno appoggiare il nostro progetto, il nostro programma. Da oggi penso in maniera ancora più attenta al mio paese e voglio che questo rinasca, cercando il dialogo anche con i cittadini. Motivo per cui a breve organizzeremo diversi eventi sul territorio”.

Per quanto riguarda invece il suo concetto di sindaco, Annone dice: “Non sarò il sindaco sul piedistallo ma anzi, voglio che tutti partecipino in maniera attiva un po’ come se fossero anche loro sindaci, primi attori in questo progetto. Dal programma alle strategie per finire al comitato, voglio che tutto venga creato insieme con questo gruppo di lavoro”.

Il nuovo candidato sindaco, conclude dicendo: “Mi farebbe piacere che il centrodestra sia unificato con un unico candidato sindaco, ma nel frattempo mi aspetto anche che le altre forze politiche propongano diversi nomi. Se mi dovessi confrontare con un altro candidato a sindaco di certo non mi tirerò indietro, anzi ben venga”.

Maria Rita Borruto