Tratta di donne dalla Nigeria: otto arresti. Blitz anche in Campania

L'indagine, denominata Tratta, era stata avviata nel giugno del 2016 dopo che una giovanissima aveva riferito alla polizia di essere stata costretta a prostituirsi per pagare circa 10mila euro

0
592

Tratta di donne dalla Nigeria: otto arresti in tutta Italia. Quella che è ritenuta una tratta di esseri umani, prevalentemente di donne fatte giungere sulle coste italiane dalla Nigeria attraverso gli sbarchi dalla Libia e poi avviate alla prostituzione anche con minacce ed aggressioni fisiche nonché intimidazioni per mezzo di riti voodoo, è stata scoperta dalla polizia di Perugia che ha arrestato otto nigeriani (tre ai domiciliari e gli altri in carcere). Provvedimenti eseguiti tra il capoluogo umbro, cinque, Treviso, Prato e Castelvenere (Benevento).




L’indagine, denominata Tratta, era stata avviata nel giugno del 2016 dopo che una giovanissima aveva riferito alla polizia di essere stata costretta a prostituirsi per pagare circa 10 mila euro ai presunti organizzatori del sodalizio. E’ quindi emerso che le donne dalla Nigeria, dopo uno “stoccaggio” nei cosiddetti ghetti della Libia, venivano portate in Italia su barconi spesso fatiscenti.




Tra i reati contestati anche il procurato aborto in danno di una giovane prostituta.
Le accuse contestate ai nigeriani contemplano l’associazione a delinquere finalizzata alla tratta di esseri umani ed alla riduzione in schiavitù, il favoreggiamento e lo sfruttamento della immigrazione clandestina, lo sfruttamento della prostituzione, la rapina e l’estorsione in danno delle connazionali riottose a prostituirsi per il pagamento del cosiddetto “debito d’ingaggio”.




Nel blitz eseguito a Perugia sono state impegnate squadra mobile e reparto prevenzione crimine, impegnati tra via del Macello e via Tosca, nel quartiere di Fontivegge, e in via della Pescara. Contemporaneamente altri investigatori della mobile perugina hanno eseguito gli altri provvedimenti a Treviso, Prato e Castelvenere. Nel corso delle perquisizioni eseguite sono state sequestrate agende con nomi e cifre, e materiale informatico che sarà analizzato.