Castellammare, mazzette per nascondere gli abusi edilizi: in manette geometra del Comune

Un nuovo e importante scandalo investe il Comune di Castellammare

2087

Una mazzetta per dimenticare gli abusi edilizi e non procedere con l’abbattimento. Era questo quello che chiedeva Eduardo Calò, geometra del Comune di Castellammare, che è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare questa mattina. Su delega della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, la Compagnia della Guardia di Finanza e la Polizia Municipale di Castellammare di Stabia, al termine di una complessa indagine coordinata, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal G.I.P. del Tribunale di Torre Annunziata, nei confronti di un dipendente dell’ufficio tecnico del Comune di Castellammare di Stabia.

Il soggetto destinatario della misura cautelare, il tecnico Eduardo Calò, è accusato di vari episodi di corruzione, truffa e falso in atto pubblico, in concorso con altri soggetti che nel tempo sono stati responsabili di abusi. Le indagini condotte dai due Uffici di Polizia -con attività di intercettazioni telefoniche, acquisizioni documentali, interventi in vari cantieri culminati anche in sequestri- hanno permesso di accertare numerose e gravi condotte penalmente rilevanti perpetrate dal tecnico comunale che «incaricato dal Comune di eseguire sopralluoghi in cantieri dove erano in atto costruzioni/ristrutturazioni- in cambio di danaro (dai 500 ai 1500 euro per pratica), convinceva gli autori degli abusi edilizi che poteva risolvere il loro “problema”.

Nella maggior parte dei casi le irregolarità erano perpetrate con falsificazione di documenti o promesse di riuscire ad ottenere licenze edilizie elo condoni in sanatoria.

Le indagini continueranno nelle prossime ore

Sono stati accertati già diversi case nelle ultime settimane ma la Guardia di Finanza continuerà ad indagare per scoprire ulteriori episodi di corruzione. A chiedere la mazzetta, secondo quanto ricostruito, era il solo Calò che però è stato prontamente scoperto dalle forze dell’ordine. Ora è agli arresti domiciliari in attesa di conoscere la sua posizione. Un nuovo e importante scandalo investe il Comune di Castellammare.