Castellammare, rischio idrogeologico: ieri incontro in Prefettura

“Ora aspettiamo i tempi tecnici di convocazione del tavolo di coordinamento tecnico per stabilire l’elenco di interventi sia rispetto alla mitigazione del rischio idrogeologico che per prevenire eventuali incendi”

622

castellammareIn merito all’incontro avvenuto in Prefettura a Napoli il sindaco Antonio Pannullo dichiara quanto segue: “Il Comune di Castellammare ha formalmente avanzato la richiesta di essere il soggetto attuatore del progetto di mitigazione del dissesto idrogeologico del Monte Faito che era in campo ad Arcadis”.

Nel corso del suo intervento il primo cittadino ha ricordato “gli interventi che insieme ad EAV abbiamo effettuato lungo la rete ferroviaria proprio per ridurre il pericolo frane” così come “abbiamo chiesto di intervenire quanto prima in un’opera di pulizia delle vasche borboniche, inoltre rispetto ai lavori di ripristino della strada di accesso a Faito lato Castellammare di installare lungo il percorso alcuni bocchettoni per l’acqua per velocizzare le operazioni di intervento in caso di incendi” – spiega Pannullo.

“Ora aspettiamo i tempi tecnici di convocazione del tavolo di coordinamento tecnico in capo alla Città Metropolitana e sotto l’egida della Prefettura di Napoli per stabilire l’elenco di interventi sia rispetto alla mitigazione del rischio idrogeologico che per prevenire eventuali incendi” – conclude il sindaco.

Grande paura dopo gli incendi

C’è molta apprensione nel comprensorio stabiese dopo la dura stagione estiva, con tutti gli incendi che ci sono stati. In modo particolare la zona del Faito: sia sul versante di Castellammare, sia su quello di Vico Equense, si sono fatti registrare i primi grandi problemi dopo le piogge autunnali che hanno colpito la zona nel mese di settembre. Ci sono state diverse frane che hanno intrappolato alcune famiglie (particolarmente a Pozzano) ed è per questo che bisogna intervenire il prima possibile. Sia l’assessore ai Lavori Pubblici (con delega alla Protezione Civile), Giulia D’Auria, sia l’assessore all’Ambiente, Francesco Balestrieri, si stanno occupando della questione dal mese di agosto per evitare danni nel periodo di invernale e l’incontro ieri in Prefettura è stato fondamentale per portare avanti il lavoro.

Share