Aborto negato in Campania: l’80% dei ginecologi è obiettore di coscienza

“Le Asl e gli ospedali campani assumano solo ginecologi non obiettori. E’ inaccettabile che un diritto sancito dalla legge non possa essere esercitato”

888

“Al di là delle convinzioni personali, l’aborto è previsto dalla legge italiana ed è inaccettabile che un diritto sancito dalla legge non possa essere esercitato perché la stragrande maggioranza dei ginecologi che lavorano per la sanità pubblica si dichiarano obiettori, spesso solo per convenienza”.




Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanità, per il quale “il fatto che l’80% dei ginecologi si dichiari obiettore di coscienza, nei fatti, annulla il diritto ad abortire in condizioni di sicurezza e gratuitamente, spingendo le donne a soluzioni alternative e meno sicure”.




“A rendere il tutto ancor più intollerante, poi, c’è il fatto che ci sono diverse testimonianze di donne che non hanno potuto abortire in un ospedale pubblico perché il medico era obiettore, salvo poi dimenticare la sua scelta se la paziente si rivolgeva allo stesso medico in una clinica privata per non parlare degli aborti clandestini per i quali negli anni sono stati arrestati anche diversi medici che erano obiettori negli ospedali pubblici” ha aggiunto Borrelli sottolineando di aver proposto che “le Asl e gli ospedali campani valutino, nei limiti imposti dalla legge, la possibilità di prevedere, nei centri per l’interruzione volontaria di gravidanza, assunzioni di ginecologi vincolati all’obbligo di non dichiararsi poi obiettori di coscienza”.