Faida di Secondigliano e Scampia: svolta nell’omicidio del boss Gaetano Marino

Restò miracolosamente illeso un congiunto del boss presente sul posto al momento dell’agguato. Ecco le accuse di Pasquale Riccio, ex killer e attuale collaboratore di giustizia

1604

Altro colpo di scena nelle indagini sulla faida di Secondigliano e Scampia: a uccidere il boss Gaetano Marino, fratello di Gennaro alias “Makkey” sarebbero stati Arcangelo Abbinante e Giuseppe Montanera. Nello specifico: Marino era stato freddato il 23 agosto del 2012 sul lungomare Circe a Terracina.




I killer lo centrarono con almeno 7 colpi esplosi da una pistola semiautomatica: a terra gli investigatori della Squadra mobile di Latina, diretti dal questore Alberto Intini, trovarono complessivamente 15 bossoli. Gli assassini si diedero poi rapidamente alla fuga su una Fiat Punto grigia.

Restò miracolosamente illeso un congiunto del boss presente sul posto al momento dell’agguato. Ad accusare i due Pasquale Riccio, ex killer e attuale collaboratore di giustizia. La colpa di Gaetano Marino, sarebbe stata quella di essersi avvicinato al gruppo della Vanella Grassi con l’intento di annientare gli Abete – Abbinante che nel 2012 erano impegnati in una sanguinosa guerra tra Scampia e Secondigliano per il controllo delle piazze di spaccio.




Sarebbero stati dunque individuati i responsabili di uno degli omicidi eccellenti della cosiddetta mattanza di Secondigliano: un vero e proprio bollettino di guerra a macchiare l’immagine di vaste aree dell’hinterland napoletano in cui si compivano anche più agguati nello stesso giorno. Oggi grazie ai pentiti si starebbe tentando di ricostruire i legami che univano un clan all’altro, tra alleanze di comodo e tradimenti eccellenti.

Una sorta di tutti contro tutti per il controllo dello smercio di droga: un business da capogiro per il quale i camorristi moderni sarebbero pronti a tutto, uccidendo senza alcuna pietà anche donne e bambini. Tanti, troppi soldi con i quali il sistema ha corrotto professionisti, infedeli servitori dello Stato, politici e imprenditori.




Ognuno aveva un prezzo , si poteva arrivare a chiunque bastava solo trovare la persona giusta. Un quadro deprimente che la dice lunga sull’implosione socio-culturale che per decenni ha penalizzato Napoli e la provincia. Della serie ì: il tamburi della camorra non hanno mai smesso, in nome del dio denaro, di suonare melodie di morte.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteNola: Iniziati li lavori per la sicura viabilità di Boscofangone
SuccessivoLa mostra Intruders di Walter Molli al Pan di Napoli
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.