Il Liceo Pitagora-Croce di Torre Annunziata incontra la Francia e aiuta i bambini del Congo

Gli studenti hanno anche preparato un originale ricordo del generale Gioacchino Murat a cui è dedicato un vasto quartiere di Torre Annunziata

“Il Francese entra a scuola” è il titolo dell’iniziativa promossa dal liceo statale “Pitagora-Croce” di Torre Annunziata che si terrà domani e alla quale porterà il saluto del governo francese il console di Francia a Napoli, Jean Paul Seytre, a cui gli studenti offriranno una visita in lingua francese sia degli scavi archeologici di Oplontis che alla mostra dei reperti presso la sede comunale.




Gli studenti hanno anche preparato un originale ricordo del generale Gioacchino Murat a cui è dedicato un vasto quartiere di Torre Annunziata. All’iniziativa parteciperà l’arcivescovo della provincia del Kivu (Repubblica Democratica del Congo, Francois Xavier, in visita a Roma da Papa Francesco, che lascerà la capitale, per ringraziare personalmente gli studenti del liceo di Torre Annunziata che l’anno scorso hanno curato un progetto di solidarietà e aiuto umanitario, che proseguirà anche in questo anno scolastico ai bambini dell’isola di Idjwi che sorge nel mezzo del grande lago Kivu, nel cuore dell’Africa.




“La nostra scuola finalizza molte delle proprie iniziative – ha spiegato il preside Benito Capossela – in attività che mirano ad ampliare gli orizzonti culturali dell’offerta formativa, attraverso incontri internazionali e con attività di impegno sociale fondate sui valori della solidarietà umanitaria”.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteCamorra e sicurezza sul lavoro, ci sono indagati campani. Cosa sta accadendo con la ricostruzione post-terremoto in Umbria?
SuccessivoTorna a Napoli l’Uefa Champions League Trophy Tour
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.