Alto impatto dei carabinieri a Ercolano: arresti e denunce per furti e droga

Bloccati in due immediatamente dopo aver rubato da un ristorante una televisione, 68 bottiglie di vino e pentolame vario

615

I carabinieri della Compagnia di Torre del Greco hanno tratto in arresto Giuseppe Donadeo e Vincenzo Scotti, entrambi 46enni di Napoli, bloccati immediatamente dopo aver rubato da un ristorante una televisione, 68 bottiglie di vino e pentolame vario. La perquisizione sul loro veicolo ha portato al rinvenimento e sequestro di diversi arnesi atti allo scasso.




Gli arrestati attendono di essere giudicati con rito direttissimo. Nel corso dei servizi di controllo sul territorio effettuati sempre dai militari sono stati denunciati in stato di libertà 3 individui: uno trovato in possesso di 10 grammi di hashish a fini di spaccio, un altro per aver installato abusivamente una sirena bitonale sulla sua vettura e il terzo trovato in possesso di un coltello nascosto all’interno della sua vettura.




I carabinieri hanno inoltre segnalato alla Prefettura 5 giovani per detenzione di modiche dosi di stupefacente, quantità rientrante nell’uso personale. Insieme alla Polizia Locale sono state contestate 29 infrazioni al codice della strada e sottoposti a sequestro o fermo amministrativo 19 scooter.




Non si attenua la pressione della forze dell’ordine sul territorio, con particolare riferimento ai carabinieri: oltre a reprimere prontamente qualsiasi forma di reato le uniformi dello Stato intendono affermare la presenza delle Istituzioni all’interno di aree per troppo tempo ostaggio della camorra e dell’anarchia comportamentale.




Garantendo la pubblica sicurezza si consente agli onesti cittadini di vivere in serenità il proprio paese anche per lo shopping, apportando così notevoli benefici all’economia indigena. Un segnale importante per le comunità vesuviane che anelano al riscatto socio economico di località ricche di storia e cultura.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteL’omicidio di Ciro Orazzo a Lettere: le inchieste e gli equilibri criminali saltati sui monti Lattari
SuccessivoTenta di pescare nel “Banco di Santa Croce”, sanzionato dalla Guardia Costiera
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.