Napoli, relazione segreta con una prostituta: uomo ricattato e minacciato. Arrestata 49enne

La richiesta fu di 1200 euro al mese, oltre a spese varie ed eventuali, tra le quali la ristrutturazione dell’appartamento e l’acquisto di mobilio

2284

Brutta vicenda al Vomero a sfondo sentimentale: ricatto e minacce dopo relazione segreta. Questi i fatti: tra un professionista e una 49enne del Vomero, già nota alle forze dell’ordine, era nata una relazione extraconiugale. Dopo circa un anno l’uomo effettuò alcuni controlli su internet per verificare alcuni sospetti sulla condotta morale dell’amante.




La rete emise il temuto verdetto: la donna amata era una prostituta con tanto di annuncio su sito di incontri per adulti. A quel punto il professionista decise di troncare la frequentazione ma lei non accettò e da subito gli rivolse pesanti minacce: se non avesse accontentato la sua brama di denaro avrebbe riferito tutto alla moglie e nel suo ambiente di lavoro, aggiungendo di essere pronta a rivolgersi a parenti legati alla malavita locale.




La richiesta fu di 1200 euro al mese, oltre a spese varie ed eventuali, tra le quali la ristrutturazione dell’appartamento e l’acquisto di mobilio. Dopo circa un anno di versamenti l’uomo riuscì a far scendere la somma a 800 euro al mese, ma a ogni sua titubanza seguivano le minacce. Dopo mesi e mesi di sottomissione il malcapitato aveva perso circa 70mila euro e ormai in ginocchio aveva deciso di denunciare il tutto alle autorità, nello specifico mettendo a verbale la sua triste vicenda presso la stazione dei carabinieri del Vomero.




Raccolte le informazioni utili all’indagine i militari hanno organizzato un servizio di osservazione per il giorno di consegna del “solito pagamento”. Tutto si è svolto come di consueto in modo da non suscitare sospetti nell’aguzzina che ha realizzato cosa stesse accadendo solo quando si è sentita bloccare da 2 carabinieri. La donna è stata tratta in arresto per estorsione e portata davanti al giudice che ha convalidato il fermo e disposto l’obbligo quotidiano di presentazione alla stazione carabinieri del Vomero.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteCastellammare, sciopero degli studenti: “Vogliamo un’Alternanza Scuola – Lavoro diversa”
SuccessivoSciopero degli studenti in Campania, i ragazzi invadono le città: “E’ il nostro tempo”
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.