Sequestri di beni ai clan, così la camorra sbarca il lunario: scippi, furti e rapine

Le strade più colpite da queste razzie di gomme sarebbero via San Giacomo dei Capri, via Piscicelli e via Orsi

618

Gli ultimi ingenti sequestri di beni immobili e mobili effettuati dalle forze dell’ordine ai danni di storici clan partenopei e il pentimento di pezzi da 90 del sistema avrebbe messo in crisi l’economia di chi vive al di fuori della legge a Napoli e nell’hinterland. Ed ecco che pur di sbarcare il lunario affiliati e fiancheggiatori ricorrerebbero ad ogni espediente tornando “indietro”, criminalmente parlando, come entità di reati commessi.




A testimonianza di tale miserabile realtà l’incubo il fenomeno dei furti notturni di pneumatici in città e in particolare nei quartieri Vomero e Arenella. Le strade più colpite da queste razzie di gomme sarebbero via San Giacomo dei Capri, via Piscicelli e via Orsi. Una questione da non sottovalutare che secondo alcune indiscrezioni provenienti da ambienti investigativi potrebbe essere seguita, in occasione delle prossime festività natalizie, da un’ondata di scippi, rapine e furti in appartamento.




Le forze dell’ordine devono nel contempo fronteggiare un’altra insidia non direttamente legata alla cosiddetta camorra nostrana: bande di Rom e di extracomunitari irregolari si starebbero infatti organizzando in veri e propri clan specializzati in furti e rapine. Il modus operandi oltremodo violento di queste nuove piaghe sociali avrebbe fatto scattare l’allarme rosso da parte delle forze di polizia e della magistratura.




Si tenterebbe di reprimere sul nascere l’espansione dei sodalizi criminali stranieri operanti sul territorio partenopeo e in provincia anche al fine di prevenire inevitabili scontri con il sistema del posto. La miccia sembrerebbe innescata: radio mala parlerebbe già di alcuni avvertimenti lanciati dalla camorra e non recepiti da bande extracomunitarie.




Per chi conosce certe insane realtà se confermato questo dato potrebbe dare il via all’ennesima mattanza per il controllo degli affari illeciti. In mezzo, come sempre, impauriti gli onesti cittadini che temono, come già accaduto in passato, di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteUn mare di cocaina dal porto di Salerno al Vesuviano: sei clan coinvolti, centinaia di indagati
SuccessivoBlitz della Guardia Costiera di Castellammare, sequestrati 100 kg di datteri. Denunciati quattro pescatori
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.