Maiori: al via la prima stagione teatrale “Enzo Sarno”

Al via la rassegna dedicata all’avvocato-mecenate scomparso prematuramente a soli 50 anni lasciando un vuoto enorme

552

I sogni, a volte, diventano realtà. Anche se può accadere di non potere assistere alla loro concretizzazione. Di certo organizzare una stagione teatrale era il sogno custodito gelosamente dall’avvocato Enzo Sarno nelle stanze più segrete del suo cuore. Principe del Foro e teatrante per diletto.

Grande conoscitore di questo mondo tanto da farne la sua ragione di vita. Vita che non gli ha concesso troppo tempo per realizzare questa vision dovuta abbandonare prematuramente nel 2013 a soli 50 anni.

Ci ha pensato l’Associazione Artistico-Culturale “Atellana”, da sempre impegnata in attività culturali in Costiera Amalfitana, con il patrocinio ed il contributo dell’amministrazione comunale della Città di Maiori, a mettere in scena la potenza visionaria dell’avvocato, riuscendo nella difficile impresa di allestire la prima stagione teatrale, che proprio a lui è stata dedicata.

Dieci spettacoli, di cui tre ad ingresso gratuito, messi in scena da associazioni amatoriali e attori professionisti. Si parte l’11 Novembre con Donne…In canto di Antonella Morea, si conclude a maggio 2018 con una sorpresa che coronerà la prima edizione della kermesse.

“Finalmente ci siamo. Il grande desiderio di ricordare l’amico Enzo Sarno ci ha fatto superare alcune difficoltà ed il cartellone allestito risulta essere di grande qualità” ha dichiarato l’Amministrazione Comunale della Città di Maiori capeggiata dal Sindaco Antonio Capone.

Soddisfatti Costantino Amatruda e Mario Maglio, responsabili della direzione artistica dell’evento: “Ringraziamo tutti quelli che hanno creduto nel progetto ed in particolare il Dott. Pierluigi Punzi, per il suo contributo”.

Attori amatoriali e professionisti (oltre ad Antonella Morea prevista anche l’esibizione di Rosaria De Cicco) insieme per promuovere la cultura in Costiera Amalfitana nella memoria di Enzo Sarno, un grande uomo a cui va tutta la nostra ammirazione.