Marijuana a seccare appesa in salotto: 43enne nei guai a San Giuseppe Vesuviano

I carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di Torre Annunziata hanno scoperto 56 piante di cannabis alte mediamente un metro

San Giuseppe Vesuviano: piante di cannabis a seccare, appese in salotto.

43enne arrestato dai carabinieri.

Il sequestro a casa di Antonio Federico, del luogo, già noto alle forze dell’ordine.




I carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di Torre Annunziata hanno scoperto 56 piante di cannabis alte mediamente un metro: 50 erano in essiccazione in salotto e sul terrazzo, mentre 6 ancora a crescere nei vasi.




L’uomo è stato tratto in arresto per coltivazione e detenzione di stupefacente a fini di spaccio.




Giudicato con rito direttissimo, in attesa del processo è stato condannato all’obbligo di firma presso la stazione carabinieri locale.



Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteNapoli, bloccati narcos diretti alle piazze di spaccio: tre arrestati
SuccessivoEnorme giro di prostituzione nel Casertano: coinvolto anche il nonno di Fortuna Loffredo
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.