Furti e ricettazione di pannelli solari: arresti anche in Campania

L'operazione riguarda 7 regioni italiane tra Toscana, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Abruzzo ed Emilia Romagna. Contestato il reato di associazione

428

I carabinieri di Livorno, con il supporto dei comandi dell’Arma territorialmente competenti, hanno eseguito dalle prime ore di ieri mattina un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Livorno a carico di 51 persone, tutte di nazionalità marocchina, nell’ambito di un’inchiesta della procura livornese su una presunta organizzazione dedita a furti e successiva commercializzazione di pannelli solari.




L’operazione riguarda 7 regioni italiane tra Toscana, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Abruzzo ed Emilia Romagna. Contestato il reato di associazione finalizzata al furto e alla commercializzazione dei pannelli solari. Secondo quanto spiegato dai militari sarebbe stato accertato un traffico di circa 8 milioni di euro. Si tratta di un giro di vite nei confronti di organizzazioni a delinquere composte da elementi extracomunitari rientrante nella massiccia campagna di prevenzione e repressione messa in essere sul territorio nazionale dalle forze dell’ordine , con particolare riferimento all’Arma dei Carabinieri.




Un fenomeno cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni che evidenzia come in Italia sia alto il numero di reati consumati da cittadini stranieri. Fenomeni ovviamente da gestire con estrema cautela e professionalità da parte delle forze di polizia che non vogliono alimentare alcuna assurda politica discriminatoria. In merito occorre sottolineare un passaggio: chiunque violi la legge in Italia, a prescindere dalla nazionalità, dal credo religioso o dal colore della pelle incorre nelle pene previste dal codice.




Un messaggio importante in una parentesi storica estremamente complessa quale quella attraversata dalle comunità internazionali continuamente alle prese con problematiche legate all’intolleranza e alla distorsione maligna del concetto di fede che sfocia nel terrorismo.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteCastellammare, al via la campagna “Un volto ad un Numero – Adotta un cane dal canile”
SuccessivoNapoli, emergenza sicurezza a Cavalleggeri: “Più controlli nel weekend”
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.