Italia fuori dal Mondiale, il vicesindaco di Ercolano: “Ritrovare orgoglio e senso di appartenenza”

"Allora ecco che quello che sembra un gioco, una semplice arte dinamica, assume significato ben più profondo, indispensabile per rinnovare le fondamenta di un Paese"

0
608

Giochi della Gioventù ercolano fiengo“La grande delusione sportiva di ieri faccia riflettere ognuno di noi: ritrovare senso di appartenenza, orgoglio, voglia di vincere nello sport e nella vita”: questo il commento del vice sindaco di Ercolano Luigi Fiengo all’indomani della clamorosa esclusione dai mondiale del 2018 della nazionale italiana di calcio.




Ex agonista nelle arti marziali da sempre Fiengo si è battuto perché alle nuove generazioni ercolanesi fosse inculcata una corretta educazione sportiva finalizzata ai valicare i confini tecnici delle discipline dinamiche per raggiungere il cuore e l’anima degli atleti. “Viviamo in una società – ha precisato Fiengo – continuamente pervasa da contraddizioni, minata da scetticismi più o meno motivati e scarsa fiducia nel domani.

Polemiche sterili, scandali quotidiani e problematiche sociali mai risolte rischiano di deprimere i nostri ragazzi che guardano con sempre maggiore scetticismo al futuro. In tal senso lo sport può ricoprire un ruolo determinante: insegnando a chi si affaccia alla vita il valore del sacrificio e la sinergia operativa, la dignità insita nella consapevolezza di aver offerto sempre il meglio di se, il sano spirito di competizione che prepara a vincere meritatamente.




Allora ecco che quello che sembra un gioco, una semplice arte dinamica, assume significato ben più profondo, indispensabile per rinnovare le fondamenta di un Paese che dal Nord al Sud anela al riscatto della propria credibilità”. Pacato ma determinato al tempo stesso Fiengo rappresenta l’espressione sana e forte della politica ercolanese: un professionista nato e cresciuto nella comunità vesuviana che non ha mai cercato attenzioni mediatiche o facili consensi andando più volte contro corrente pur di non tradire le proprie idee, pronto a intraprendere l’iter più tortuoso pur di tutelare nel rispetto dei ruoli e delle competenze specifiche la propria città.

“Sono fiero di essere ercolanese, – ha concluso Fiengo – di appartenere ad una realtà vesuviana dalle potenzialità immense. Penso alla risposta plebiscitaria degli ercolanesi alle Ercolaniadi, il ritorno dei Giochi della Gioventù dopo decenni a Ercolano. I nostri piccoli concittadini sono stati nuovamente chiamati ad essere protagonisti attivi della vita comunitaria: attraverso lo sport, la sana aggregazione e la voglia di competere con gli altri coetanei sarà possibile scolpire nelle loro menti principi di legalità, amore per la propria realtà d’origine e fiducia nei confronti della classe politico-amministrativa indigena”.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteDecine di vulcani sommersi nel Mar Tirreno: la scoperta dell’Ingv
SuccessivoCastellammare, rapina in tabaccheria sventata da carabiniere fuori servizio: arrestato 49enne
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.