Chiedevano il pizzo a imprenditori edili: arrestati tre uomini del clan di Casoria

Nel corso di attività investigative coordinate dalla Dda di Napoli i militari dell’Arma hanno documentato che i 3 si erano resi responsabili di tentate estorsioni aggravate dal metodo mafioso a imprenditori edili

1504

A Casoria i carabinieri arrestano un affiliato a clan e due complici che chiedevano il pizzo a imprenditori edili. I carabinieri della compagnia di Casoria hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli a carico di 3 soggetti.




Arrestati e tradotti in carcere Antonio Maldarelli, un sorvegliato speciale 56enne con obbligo di soggiorno a Casoria ritenuto organico al noto clan camorristico operante per nel controllo degli affari illeciti tra Afragola e Casoria nonché Tommaso Paribello, 53 anni e Gaetano Tirino, 37 anni, entrambi di Afragola e già noti alle forze dell’ordine.

Nel corso di attività investigative coordinate dalla Dda di Napoli i militari dell’Arma hanno documentato che i 3 si erano resi responsabili di tentate estorsioni aggravate dal metodo mafioso a imprenditori edili di Casoria.




Maldarelli e Tirino sono stati arrestati nelle loro residenze e ristretti nel carcere di Secondigliano. Paribello è stato invece individuato nei pressi di Bracciano: dove era andato per far sottoporre il suo cavallo a un intervento chirurgico. L’affiliato è stato quindi tradotto nella casa circondariale di Regina Coeli di Roma.



Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano