Ercolano, torna la dicitura “Resina” sui documenti: la svolta grazie al vicesindaco

"E’ finito il tempo delle chiacchiere, delle questioni più o meno legate a individualismi politici e rancori personali: la forte recessioni in atto nel nostro Paese ci impone il massimo rigore"

1041

Ritorna sui documenti anagrafici la dicitura Resina per i nati a Ercolano prima del 30.03.1969. Grazie all’intervento del vice sindaco con delega ai servizi anagrafici Luigi Fiengo si scriverà da domani 22 novembre finalmente la parola fine a disagi provocati agli utenti alle prese, tanto per fare un esempio, con codici fiscali inesatti. Il tutto in forza del principio per cui l’evento di nascita rimane inquadrato nelle condizioni di tempo e luogo in cui si è verificato e per ripristinare la situazione di diritto al momento della nascita.




“ Un altro passo avanti è stato fatto – ha precisato il vice sindaco Fiengo – per venire incontro alle esigenze dei cittadini ercolanesi. Concretizzare interventi utili alla collettività e in tempi rapidi : questa la massima di chi ha l’onore come me di rappresentare una cittadina vesuviana dalle incommensurabili potenzialità ma dalle tante problematiche da risolvere. E’ finito il tempo delle chiacchiere, delle questioni più o meno legate a individualismi politici e rancori personali : la forte recessioni in atto nel nostro Paese ci impone il massimo rigore nell’ottimizzare risorse e interventi sul territorio che devono sempre essere concertati sinergicamente con le forze in campo”.

Parole che trovano riscontro reale nei fatti : pensiamo all’esigua spesa per la realizzazione delle Ercolaniadi, il ritorno dei Giochi della Gioventù a Ercolano dopo anni, e all’ottimo risultato ottenuto. Un colpo d’ala per la cittadina degli scavi magistralmente organizzato da Fiengo che ha coinvolto cittadini, istituzioni scolastiche e famiglie ercolanesi in una manifestazione socio sportiva ricca di significato soprattutto per i più piccoli. Compito ma fermo nei suoi principi il vice sindaco si è sempre dissociato da polemiche improduttive e attacchi studiati a tavolino che finiscono inesorabilmente con il dividere una comunità che al contrario deve ritrovare coesione al suo interno.




“ E’ facile – ha concluso Fiengo – criticare continuamente , magari comodamente seduti dinanzi alla tastiera di un pc, l’operato di chi governa la città senza però poi muovere un dito per aiutare la causa , per apportare concreti benefici ad una città vesuviana che vuole crescere. In tal senso lodevole appare l’azione instancabile delle associazioni e il coraggio dei commercianti che continuano nonostante tutto a credere e investire a Ercolano. Siamo oggi chiamati a rispettare i sacrifici di questi onesti lavoratori e a tutelare gli ercolanesi senza cadere nella trappola del fatalismo rinunciatario e del tutti contro tutti che porterebbero inesorabilmente all’implosione della città.

Siamo ben lieti di ricevere critiche costruttive che ci esortino a migliorare il nostro impegno sul territorio : sarebbe veramente giunto il momento però di pensare all’unità cittadina ponendo la politica al servizio dei cittadini. Un dovere morale nei confronti delle generazioni future, dei nostri figli che erediteranno questi luoghi”.

Alfonso Maria Liguori



Share
Condividi
PrecedenteIl Comune di San Giuseppe Vesuviano contro la violenza sulle donne
SuccessivoErcolano, spaccio di marijuana dal benzinaio: arrestato 34enne
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.