Pompei, nasce il Comitato Cittadino via Astolelle e traverse

Verranno inoltre studiate opportune forme di sostegno economico necessarie per sviluppare iniziative di comune interesse

1118

Il 24 ottobre 2017 è nato il “Comitato Cittadino via Astolelle e traverse via Sant’Abbondio e traverse“ con una libera sottoscrizione di 22 soci promotori. Nella riunione tenutasi sabato 28 ottobre 2017 sono stati eletti dai soci promotori, membri componenti del consiglio direttivo del comitato, che sarà composto dal presidente Dea Vincenzo, come vice presidente D’Aniello Cristina, segretario Rossi Salvatore ed i due consiglieri D’Ermo Massimo e Verdolivo Nicola.




In seguito alla registrazione dell’atto costitutivo, presso l’Agenzia delle Entrate con registrazione N. 2821 del 06/11/2017, il comitato ha acquisito ufficialità, divenendo un soggetto con personalità giuridica (dall’istituzione del Comune di Pompei, avvenuta dal 1923 è il primo ente di questo tipo ad agire sul territorio cittadino).

Obiettivo del comitato, nato per coinvolgere i cittadini nella vita della propria comunità attraverso uno strumento rappresentativo e aggregativo dei bisogni comuni, è quello di instaurare un dialogo costruttivo con la pubblica amministrazione, le istituzioni, le forze dell’ordine e provare a risolvere le tante esigenze legate alla gestione pubblica dei servizi sociali, urbani ambientali, socio sanitari e culturali, come si legge nell’ Art.2 dello statuto.
Per coinvolgere nelle proprie azioni il maggior numero di cittadini si è scelto di utilizzare diversi sistemi di comunicazione, dai più moderni “social” agli incontri programmati.




Verranno inoltre studiate opportune forme di sostegno economico necessarie per sviluppare iniziative di comune interesse. Il”Comitato Cittadino via Astolelle e traverse via Sant’Abbondio e traverse” rivendica la propria indipendenza dai partiti, ma aprirà un canale di comunicazione con le istituzioni locali per risolvere le problematiche individuate sul territorio, affinché venga promossa la crescita civile e democratica di tutta la comunità.

Giuseppe Raviotta



Share