Notte di fuoco in provincia di Napoli: auto esplose ad Afragola e Torre Annunziata

L'esplosione di Torre Annunziata è invece avvenuta in via Settetermini : gli inquirenti non escludono che si possa trattare di un atto intimidatorio

0
1364

Due boati hanno fatto sobbalzare i residenti nella provincia di Napoli, rispettivamente ad Afragola e a Torre Annunziata . In entrambe le circostanze auto in sosta esplose e tanta paura tra i residenti . Sarebbero però diverse le dinamiche che avrebbero portato alle 2 esplosioni. Secondo alcune testimonianze l’episodio accaduto ad Afragola sarebbe stato causato da una perdita di gas all’interno di un’autovettura che si trovava parcheggiata in un capannone lungo corso Garibaldi.




Un incidente causato con molta probabilità dalla scarsa manutenzione dell’impianto Gpl montato sul mezzo. L’esplosione di Torre Annunziata è invece avvenuta in via Settetermini : gli inquirenti non escludono che si possa trattare di un atto intimidatorio o di un avvertimento nei confronti di qualche pregiudicato della zona . Secondo alcune indiscrezioni provenienti da ambienti investigativi non si escluderebbe infatti che la detonazione possa essere stata provocata intenzionalmente da alcuni individui che avrebbero cosparso benzina sul mezzo .

Svegliata dal boato anche la proprietaria della vettura, una 38enne. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e le forze dell’ordine che starebbero indagando sul caso senza escludere alcuna pista. Le precedenti stese e gli atti intimidatori registrati a Torre Annunziata negli ultimi tempi lascerebbero poco spazio ai dubbi : con drammatica precisione l’ombra del racket si starebbe abbattendo sulla comunità oplontina in occasione del periodo di fine d’anno.




Tra conferme e smentite dettate ovviamente dal timore di ritorsioni da parte dei clan attivi su Torre Annunziata commercianti e imprenditori starebbero attraversando un periodo estremamente complesso: da un lato la forte pressione fiscale e la recessione in atto a livello nazionale , dall’altro lo spettro di una camorra che sembra inarrestabile nonostante i continui arresti e i sequestri eccellenti di beni immobili e mobili che avrebbero almeno sulla carta dovuto ridimensionare i gruppi criminali del posto. Della serie : ancora una volta i tamburi della camorra suonano sinistri all’interno della comunità oplontina.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteAl Teatro Politeama di Napoli “La cantata dei pastori” con Peppe Barra
SuccessivoScafati, spacciava cocaina. Arrestato pusher di 30 anni
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.