Consip, nuove accuse di depistaggio: nuovi guai per Scafarto e Sessa

"Il capitano Giampaolo Scafarto ha risposto ad ogni domanda ricostruendo tutte le indagini. Una ricostruzione puntuale, ha spiegato cosa è accaduto"

597

giampaolo scafarto consip noe carabinieriInterdizione di un anno dall’esercizio di pubblici ufficiali dei carabinieri ed una nuova accusa, questa volta di depistaggio per il maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e per il colonnello Alessandro Sessa, indagati nell’ambito dell’inchiesta della procura di Roma su Consip. L’ha disposta il Gip Gaspare Sturzo su richiesta del procuratore aggiunto Paolo Ielo e del sostituto Mario Palazzi. Per Scafarto, già indagato per falso e rivelazione del segreto d’ufficio, è scattata anche l’ipotesi di depistaggio.




Stessa ipotesi per Sessa, già iscritto sempre per depistaggio in relazione alle false dichiarazioni rese al Pm. La nuova accusa di depistaggio si riferisce all’eliminazione delle comunicazioni intercorse tra i due al fine di sviare, secondo l’accusa, le indagini della procura sulla fuga di notizie riguardanti l’inchiesta a suo tempo aperta a Napoli su Consip. Dei due falsi contestati a Scafarto dalla Procura di Roma, uno è inerente alla frase “ad un certo punto Bocchino si allontana e Romeo continua a parlare e dice: Renzi l’ultima volta che l’ho incontrato”.

Le parole attribuite a Romeo sarebbero stata invece pronunciate da Italo Bocchino. L’altro fa invece riferimento ad una falsa attribuzione data da Scafarto a presunti appartenenti ai Servizi Segreti presenti a via Nicosia nel giorno in cui venivano ritrovati i “pizzini”. Il capitano del Noe ometteva di dire ai magistrati che l’uomo presente in quel luogo era stato in effetti identificato invece come un semplice abitante del posto. Continua così la vicenda Consip che ha portato all’arresto per corruzione del noto imprenditore campano Alfredo Romeo. “Il capitano Giampaolo Scafarto ha risposto ad ogni domanda ricostruendo tutte le indagini. Una ricostruzione puntuale, ha spiegato cosa è accaduto. Possiamo parlare di errore, dobbiamo valutare l’elemento soggettivo.




Ha ricostruito le telefonate e i criteri. Il fatto storico c’è, ma riteniamo che non ci sia dolo e quindi nessun profilo penale”. Era stato questo il commento del legale di Scafarto Giovanni Annunziata dopo l’interrogatorio dell’ufficiale dell’Arma da parte del procuratore di Roma Giuseppe Pignatone, dall’aggiunto Paolo Ielo e dal Pm Mario Palazzi. Si scrive un nuovo capitolo di una brutta storia che vede protagonista in negativo un fiore all’occhiello dell’Arma che oggi si trova a dover ulteriormente chiarire fatti contestati che potrebbero pesare enormemente sulla carriera di Scafarto.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteNapoli e camorra, dichiarazioni choc: “Forcella è stata sempre casa dei Giuliano”
Successivo“Karaocando a Trecase” ed è successo
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.