Riqualificazione urbana e recupero di spazi verdi: convegno a Napoli

Interverranno il presidente Anps Napoli Gallo, l’architetto Gambardella e l’avvocato Tuccillo

0
412

Verde e qualità della vita. La Casina Pompeiana di Napoli ospiterà il convegno sulla riqualificazione urbana ed il recupero degli spazi verdi. Organizzato dalla associazione “Alla Foce del Sebeto” presieduta dalla professoressa Geirola, interverranno il presidente Anps Napoli Gallo, l’architetto Gambardella e l’avvocato Tuccillo.




Lunedì 18 dicembre alle ore 11, presso la Casina Pompeiana di Napoli (nella foto), sita alla via Riviera di Chiaia, all’interno della Villa Comunale, si terrà il convegno di studio “Verde e Qualità della Vita, impresa e territorio, binomio imprescindibile per la promozione della qualità del territorio”, incentrato sul tema della riqualificazione urbana e recupero degli spazi verdi.

L’evento è organizzato dalla Onlus “Alla Foce del Sebeto”, in collaborazione con la IX municipalità, in particolare la dirigente aria tecnica architetto Paola Cerotto e con il patrocinio dall’assessorato alla cultura e turismo di Napoli. L’ associazione di volontariato si pone l’ obbiettivo di dare alla città di Napoli ed alle zone periferiche un nuovo volto, qualificando il “verde urbano” che, come afferma la presidente professoressa Silvana Geirola, “se da un lato migliora la qualità della vita per la salute e la fruibilità del territorio, dall’altro sostiene e struttura le attività di turismo e artigianato locale”.




“Salvaguardare il verde della nostra città” prosegue “è un dovere oltre che un gesto di amore per il nostro territorio che, con la sua complessità e varietà, rappresenta uno dei gioielli del Sud, patrimonio mondiale dell’umanità”.

Un volto certo nuovo ma che porterebbe a riscoprire luoghi e zone che oramai sono cadute nell’oblio e che, comunque, rappresentano le nostre radici. La stessa scelta del nome, “Alla Foce del Sebeto” fa riferimento al celebre fiume, “Lo bono greco” cantato dai poeti dell’arcadia e prima ancora amato dall’umanesimo e dagli stilnovisti. Un fiume avvolto nel mistero e fascinoso, di cui oggi sono rimaste poche tracce ma che era ampiamente utilizzato e navigabile nel periodo in cui Partenope faceva parte della Magna Grecia ed anche prima.




La stessa location del convegno non è casuale, tiene a sottolineare la presidente, è un luogo in cui cultura, storia, arte, imprenditoria e scienza si fondano. Edificata nel 1870 in stile neoclassico, prese il nome di “Pompeiorama” in quanto accoglieva un’esposizione permanente di vedute di Pompei, curata dal pittore Maldarelli ed in seguito dal fotografo Lauro. Restaurata nel 1891 dall’architetto Chioccarelli, divenne sede di mostre organizzate dal Circolo Artistico Politecnico e nel secondo dopoguerra ospitò la Società promotrice di Belle Arti “Salvator Rosa”.

Inserita all’interno della Villa Comunale, già Real Passeggio di Chiaia, costruita nel 1781 per volontà di Ferdinando IV dal celebre architetto Carlo Vanvitelli ed ispirata ai giardini francesi, con vialetti paralleli ed ornata di statue e fontane. Nel 1872 iniziò la costruzione della Stazione Zoologica, istituto scientifico di fama mondiale fondato dal darwiniano Anton Dohrn e aperto al pubblico nel 1874 che oltre agli i affreschi ottocenteschi con “scene marine e agresti” del pittore tedesco Hans Von Marèes ospita l’Acquario, tra i più antichi d’Europa, che accoglie specie animali provenienti dal Golfo di Napoli e strumenti da laboratorio e reperti ed è tutt’ora un punto di riferimento per la comunità scientifica.




“E’ proprio al modello della celebre villa partenopea, luogo di aggregazione, di cultura, di arte e scienze, di ristoro e di turismo” continua la presidente “che la nostra associazione si ispira, tentando una opera di riqualifica in diverse zone della nostra città, riqualifica che ci farà riscoprire una Napoli il cui volto, forse, è stato dimenticato”.

Il convegno sarà aperto con una esibizione del cantautore Lorenzo Russo, studente del Liceo Scientifico “Emilio Segré” di Marano che eseguirà un brano da lui composto “Napule Mia”. A seguire, moderati dalla professoressa Silvana Geirola, interverranno il commissario rds Luigi Gallo, presidente dell’Anps (Associazione nazionale polizia di stato) sezione Napoli sul tema vivibilità e sicurezza del territorio, l’architetto Francesco Gambardella, che presenterà il progetto di riqualificazione illustrando gli aspetti urbanistici legati alle opere di trasformazione del territorio ed individuando le aree di intervento. A seguire il professor Enrico Tuccillo, avvocato e docente, analizzerà gli aspetti giuridico-politici del governo del territorio per la valorizzazione delle identità locali. Previsto infine l’intervento dell’imprenditore edile Aniello Bettini.

“L’attuale zona di interesse su cui stiamo lavorando” conclude la Geirola “ comprende l’area di Vicinale Croce di Piperno, via del Discobolo, via Vicinale Paradiso, via Contieri, via Quattro Novembre, via Canonico Scherillo- Croce di Piperno”.

Giovanni Di Rubba