Ennesimo successo per la quinta edizione della rassegna “Striano canta il Natale”, una kermesse che raduna ogni anno centinaia di coristi provenienti da tutta la valle del Sarno nella piccola città agro vesuviana.


La manifestazione, organizzata dalla parrocchia di San Giovanni Battista e dall’associazione Severiniana per conto del coro parrocchiale Severiniano, si è svolta mercoledì 27 dicembre 2017 alle ore 19.00 nella chiesa madre di Striano.

E’ stata ideata alla fine del 2013 dal ventenne Raffaele Massa, direttore del coro parrocchiale strianese, con lo scopo di “rendere protagonista la famiglia del coro Severiniano, una famiglia aggregata e aggregativa. Si, il coro Severiniano, ha come scopo quello di armonizzare, cosa alquanto difficile, il suo canto alla bellezza del creato, ma soprattutto ha il desiderio di far rinascere nell’animo di ogni corista (piccolo o adulto che sia) la fede nel Signore, l’amore per le cose belle come la musica, l’amicizia e l’arte in un mondo segnato da tante e troppe debolezze di carattere sociale e psicologico”.

Il coro Severiniano, infatti, lavora in primis sull’aspetto sociologico e pedagogico dell’attività corale. Striano canta il Natale rappresenta quindi il fulcro di un’attività sociale e culturale che il coro strianese pratica tutto l’anno.

Le corali, giunte da Sarno, da Episcopio e da Angri, si son date appuntamento a Striano per vivere a pieno l’atmosfera del natale. Per una serata in città si è respirata la vera aria natalizia, fatta di note e di suoni, di luci e di profumi.

Tra le tante persone intervenute vi erano anche ospiti speciali. In prima fila il parroco padre Michele Fusco e il sindaco di Striano Aristide Rendina, accompagnato dall’assessore alla cultura Rosa Rega, i quali hanno dato il benvenuto alle corali e ai tanti giunti dai paesi limitrofi per vivere “Striano canta il Natale”.

Presente anche il senatore della repubblica Pietro Langella e Nello Ruggiero, missionario in Benin divenuto famoso con il programma “Il Boss delle Cerimonie” di Real Time come il primo sposo single della storia. Entrambi hanno lasciato un il loro saluto e una bella testimonianza di fede e di solidarietà ai partecipanti.

Ad aprire il concerto il coro Severiniano con una bellissima esibizione del canto “Paradiso” divenuto famoso perché colonna sonora del film di san Filippo Neri. L’esibizione è stata accompagnata da una simpatica, ma finta, improvvisazione musicale. I coristi, piccoli e grandi, hanno ripreso la parte del famoso film in cui il san Filippo si presenta con i suoi bambini di fronte al Papa. Nella sua semplicità, è stata un’esecuzione molto emozionante, diretta da Raffaele Massa e anche da un simpatico bambino amante della musica, maestro d’eccezione della serata.

A seguire la corale Sancta Mater Dei di Episcopio di Sarno, la corale Laetamini in Domino e la corale Sant’Alfredo di Sarno e, per concludere, la corale Sant’Alfonso Maria Fusco di Angri.

Sono stati eseguiti brani tipici della tradizione natalizia come In notte placida, Bambino della Pace, ma anche opere inedite come quella del maestro Roberto Sedia della corale Sancta Mater Dei. Non sono mancati brani d’ispirazione francescana e brani gospel.

Per concludere, è stato ufficializzato l’inno della manifestazione, il famoso Tu scendi dalle Stelle di sant’Alfonso che è stato eseguito da tutti i coristi e da tutti gli spettatori diretti dal maestro Giuseppe Aversa di Angri. A seguire, nel salone della casa canonica, è stato preparato un ricco buffet per tutti, offerto dalle attività commerciali e dalle aziende del territorio.

Grande successo, dunque, per un evento che riesce sempre più ad affermarsi sul territorio regionale e che, nella sua sobrietà, rappresenta una delle migliori manifestazioni di questo genere sul nostro territorio. Si tratta ormai di un appuntamento immancabile, da segnare in agenda già per il prossimo anno.

Clelia Pellegrino