Castellammare, festività da incubo: ondata di furti negli appartamenti

Qui i ladri si sono introdotti nell’abitazione, approfittando che i proprietari erano scesi per fare delle compere, e hanno portato via gioielli e soldi in contanti per un totale complessivo di circa 20mila euro

601

Quelle ancora in corsa si stanno rivelando delle festività da incubo per diversi cittadini stabiesi. Il motivo? Una nuova e inquietante ondata di furti, che sta mettendo a dura prova la serenità e la tranquillità dei residenti. L’emergenza più forte ha toccato, negli ultimi due giorni, la zona compresa tra il rione San Marco e via Alessandro Volta, nel rione Cicerone. E’ qui, infatti, che si sono verificati due furti seriali in abitazioni a poche decine di metri di distanza l’una dall’altra. Il raid più grave è stato messo a segno in un appartamento del San Marco, a pochi passi dallo stadio Romeo Menti.




Qui i ladri si sono introdotti nell’abitazione, approfittando che i proprietari erano scesi per fare delle compere, e hanno portato via gioielli e soldi in contanti per un totale complessivo di circa 20mila euro. Poche ore più tardi, un analogo episodio si è verificato al Cicerone. In questo caso i malviventi (con ogni probabilità) erano al corrente che i proprietari si erano trasferiti per qualche giorno da alcuni parenti nel Nord Italia, per trascorrere in compagnia le festività. Anche in questo caso il bottino ammonta a svariate migliaia di euro, tra soldi e oggetti di valore. Sempre uguale la dinamica: i ladri entrano nelle case lasciate vuote dai proprietari, arrampicandosi alle ringhiere dei balconi.

Si intrufolano nelle abitazioni e si recano prima di tutto nelle camere da letto. Quindi, svuotano cassetti e armadi, rovesciando tutto sui letti e, da lì, cominciano un’accurata selezione. Il loro interesse si concentra infatti tutto su soldi e gioielli. Ciascun furto p durato probabilmente tra i 15 e i 20 minuti. Poco tempo che, tuttavia, è bastato ai malviventi per entrare velocemente e scappare via con gli oggetti più preziosi. I due episodi sono stati denunciati ai carabinieri del nucleo operativo stabiese, agli ordini del maggiore Donato Pontassuglia e del luogotenente Andrea Riccio, che hanno avviato tutte le indagini del caso. Secondo le forze dell’ordine i raid sarebbero stati compiuti da più persone.




Tra queste, anche il classico “palo” con il compito di avvisare gli altri in caso di arrivo dei carabinieri. E così lo scenario per i proprietari di questi due appartamenti, al rientro in casa, è stato a dir poco devastante: camere da letto messe a soqquadro, infissi distrutti, vestiti sparsi alla rinfusa, cassetti aperti e rovesciati e casseforti scassinate. E’ molto probabile che i ladri, prima di agire, abbiano osservato le abitudini delle loro vittime, i loro orari e gli spostamenti. Intanto torna la paura tra gli abitanti della zona. “Siamo ancora sotto choc – racconta un’anziana residente al San Marco – e terrorizzati dall’idea di poter trovare questi malviventi rientrando a casa”. E da ieri, alla luce degli ultimi colpi, c’è chi preferisce dormire con le luci accese o chi ha già provveduto a installare sistemi di antifurto nelle abitazioni.