Castellammare, camorra: il clan Cesarano si sta ricompattando

Si starebbe ricompattando per riaffermare la propria leadership criminale sul territorio sulle orme del capo carismatico e spietato della Nuova Famiglia

4125

Ferdinando CesaranoIl clan Cesarano originario di Ponte Persica sarebbe tutt’altro che in declino : secondo alcune indiscrezioni provenienti da ambienti vicini al sistema le fila del super boss mai pentito Ferdinando Cesarano, alias “Nanduccio e’ Ponte Persica” si starebbero ricompattando per riaffermare la propria leadership criminale sul territorio. Il Ferdinando Cesarano deve scontare 3 ergastoli, più altri 12 anni e 3 mesi inflittigli in via definitiva per associazione camorristica nel 2006. Un capo carismatico e spietato della Nuova Famiglia che ha sempre negato lo stretto legame con Carmine Alfieri.




Attraverso l’usura, il contrabbando, il racket, Ferdinando Cesarano ha accumulato negli anni un vero e proprio patrimonio: un potere economico tale da tentare di acquistare gli stabilimenti cinematografici De Paolis a Roma, operazione già avviata però da Pasquale Galasso che diventò, una volta passato tra le fila dei collaboratori di giustizia, tra i principali accusatori di Nanduccio ‘e Ponte Persica. I giudici scrissero di lui: “La straordinaria disponibilità economica consente a Ferdinando Cesarano di soccorrere gli imprenditori in difficoltà del vesuviano attraverso prestiti usurai a tassi d’interesse altissimi.

Inoltre Cesarano svolge una vera e propria funzione sociale sul territorio, intervenendo per dirimere liti e contrasti tra imprenditori concorrenti e scoraggiando nel proprio regno, anche con metodi estremamente violenti, la microcriminalità e lo spaccio di stupefacenti”. Ferdinando Cesarano, mai pentito, incarna la figura del boss di altri tempi emulato dai giovani che vivono ‘di strada’ e legato profondamente ai luoghi d’origine. Un boss talmente potente da essere temuto dai clan della vicina Torre Annunziata e di Castellammare di Stabia, sempre pronti a trattare con i Cesarano ma estremamente attenti a non pestare i piedi al leader criminale di “Ponte Persica”.




Nanduccio ‘e Ponte Persica resta ad oggi una delle figure più rappresentative del sistema: un manager del crimine che nonostante la lunga detenzione a regime di massima sicurezza non ha mai pensato di collaborare con lo Stato. Un particolare questo che in certi ambienti ne fa una figura epica promuovendolo a super boss della camorra che conta. Della serie: i Cesarano resterebbero forti e temuti all’interno del sistema che conta.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteVolla, Vincenzo Manfellotti: “Il mio impegno non si è mai fermato e non si fermerà”
SuccessivoMuore a 3 anni dopo essere stato in ospedale a Napoli: 2 medici indagati
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.