Torre del Greco, “I Senzartenèparte” incantano con “Un dono di Natale”

Tra gli interpreti confermano il loro talento Esmeraldo Napodano, nel ruolo della Spirito del Natale di oggi

0
413

Nel periodo delle feste natalizie, allo Sport Club Oplonti di Torre del Greco, la Compagnia “ I Senzartenèparte”, davanti ad un pubblico straripante, ha messo in scena lo spettacolo “Un dono di Natale” di Charles Dickens per la regia di Domenico Orsini , dal romanzo dello stesso autore, una commovente critica alla società dell’epoca. Dickens è un favolista inglese, ancora oggi in voga come narratore, i cui scritti diventarono raccolte di libri di Natale.




Il protagonista del lavoro ,Scrooge, è un uomo d’affari, avaro ed egoista, che trascura la famiglia, incapace di apprezzare le piccole cose, come il calore che regala il Natale. Non a caso il racconto scenico si svolge appunto nella notte di Natale; tornando a casa l’uomo incontra tre fantasmi del Natale: passato, presente e futuro che lo porteranno a pentirsi dei propri atti egoistici e indifferenti, e dunque a cambiare interiormente; Scrooge sembra un’altra persona e tutti stenteranno a credergli, come se l’uomo si fosse reso conto della sua vita fino a quel momento.

Riteniamo che un pizzico dello spirito del Natale sia entrato in Lui e, di conseguenza, abbia dato un senso diverso e più vero alla sua stessa vita. Tra gli interpreti confermano il loro talento Esmeraldo Napodano, nel ruolo della Spirito del Natale di oggi, nonché Marella Solimeno in quello del Natale passato e Pasquale Nastri nei panni di Bob Cratchit, accanto a un Michele Maria Gallo, eccezionale interprete del personaggio di Scrooge. Non tralasciando tutti gli altri attori, che, solo per questione di spazio, non riusciamo a citare.