Arciconfraternite Torre Annunziata, più pasti gratuiti al refettorio Caritas

0
657
Torre Annunziata arciconfraternite

Bilancio più che positivo per le attività di intervento sociale messe in campo dalle arciconfraternite di Torre Annunziata nel 2017. E il nuovo anno si apre con un’agenda fitta di nuovi progetti di medio e ampio respiro.

Fra questi quello, ambizioso ma non irraggiungibile, di superare nei prossimi mesi il precedente “record” di pasti gratuiti erogati nel refettorio della Caritas di vico Pace, nei pressi della chiesa dello Spirito Santo. Nei prossimi mesi, infatti, le “congreghe” del Santissimo Sacramento, dei Santi Agostino e Monica e del Rosario, continueranno a sostenere economicamente il centro. Nei mesi di punta del 2016 e 2017 erano stati oltre millecinquecento i pasti che i volontari coordinati da Don Pasquale Paduano erano riusciti a distribuire ai più bisognosi. Una cinquantina, mediamente, quelli che quotidianamente si appoggiano alla struttura per far fronte alle proprie esigenze di sostentamento.

“Adesso – spiega Alfredo Cutrupi, fratello superiore dell’Arciconfraternita dei Santi Agostino e Monica – speriamo di riuscire a superare quella soglia con l’aiuto dei nostri confratelli e di quanti vorranno contribuire a fornirci supporto. Purtroppo le esigenze dei nostri concittadini in situazione di gravi o gravissime difficoltà economiche aumentano costantemente. E sentiamo nostro dovere aumentare il nostro impegno per far fronte a questa crescente emergenza”.

Nel frattempo si tirano le somme delle attività del 2017 che hanno visto i giovanissimi frequentatori dell’oratorio della Immacolata Concezione impegnati in corsi di modellismo e Taekwondo (sotto la direzione dei maestri Giovanni e Augusto Taranto, dell’Unitam Song Moo Kwan Italia) nonché di disegno, sotto la direzione del docente di Arte e Immagine Enrico Manca. Tutte attività che i giovani frequentatori della struttura della “Parrocchiella” si sono visti mettere a disposizione in maniera totalmente gratuita sempre grazie al supporto e all’organizzazione delle arciconfraternite, e che hanno consentito per l’intero arco dello scorso anno di sottrarre alla strada e alla negativa influenza di determinati ambienti decine e decine di ragazzini e adolescenti.

A concludere in maniera eccezionale le attività del 2017 appoggiate dalle “congreghe” e a fare da “ponte” con quelle del 2018 la quarantaseiesima mostra di presepistica “Città di Torre Annunziata”, ospitata anche per questa edizione presso la cappella dei Santi Agostino e Monica. Le splendide opere realizzate dai soci della sede torrese dell’Associazione Italiana Amici del Presepio – intitolata a Padre Angelo Maria Salvatore – hanno reso anche quest’anno indimenticabile l’esposizione. A spiccare fra tutte lo splendido presepe in stile ‘700 napoletano realizzato da Salvatore Giordano e una miriade di “minuterie presepiali” di eccezionale fattura, esposte da diversi associati: strumenti musicali in miniatura, gabbie con uccelli, frutta, carni e tutto quanto rende più viva e realistica la scenografia presepiale. Particolarissima anche l’installazione realizzata da Domenico Pagano con un forte impatto allegorico, per rappresentare gli scempi causati dalla stupidità e dall’avidità dell’essere sotto gli occhi sgomenti di Dio Padre.