Ercolano, il vicesindaco Fiengo: “Sì al dialogo con associazioni e cittadini”

"Ercolano non è l’unica realtà vesuviana a fare i conti con disservizi anche gravi e siamo certi che con lealtà, zelo e adeguata programmazione sarà possibile ottenere risultati"

579

“ Fondamentale per il rinnovamento della città dialogare con le forze sociali, associazioni e i cittadini al fine di rendere più compatta e produttiva la società civile” : questo il pensiero del vice sindaco di Ercolano Luigi Fiengo che si sofferma sulla necessità di tornare ad operare insieme per il benessere del paese : “ Il momento di forte recessione – ha precisato Fiengo- attraversato dall’Italia impone il massimo rigore nell’ottimizzare le risorse con le quali potenziare le comunità che abbiamo l’onore di rappresentare .




La storia ci ha insegnato che rancori personali, questioni datate e sterili polemiche producono nulla di buono per la causa : al contrario attraverso confronti positivi e perché no critiche costruttive è possibile migliorare esponenzialmente l’operatività di chi giorno per giorno si adopera per la crescita della città. I problemi da affrontare e le carenze sono tante e tutte richiedono il massimo impegno da parte di ciascuno di noi. Non bisogna cedere però al fatalismo rinunciatario ne al pessimismo cronico : Ercolano non è l’unica realtà vesuviana a fare i conti con disservizi anche gravi e siamo certi che con lealtà, zelo e adeguata programmazione sarà possibile ottenere risultati ad oggi inimmaginabili”.

Il politico “del fare”, così ormai viene identificato a Ercolano il vice sindaco Fiengo, ha sempre creduto nell’importanza del lavoro di squadra e del ruolo delle associazioni fondamentale per la crescita di un territorio dai natali celeberrimi. Molti ercolanesi ammirano il senso pratico di Fiengo, professionista ercolanese DOC sempre vicino alle ambasce della sua gente con particolare riferimento alle fasce più deboli della società. Il vice sindaco Luigi Fiengo non si è mai tirato indietro nel rapporto con i giovani talenti locali manifestando , con grande discrezione, generosità e comprensione nei confronti delle nuove leve indigene.




Il tutto senza mai cercare pubblicità o attenzione mediatica : un dato questo che fa onore al vice sindaco Luigi Fiengo. “ Per aiutare Ercolano – ha concluso Fiengo- bisogna amarla, comprenderne le dinamiche , conoscerne potenzialità e limiti. Basta allora con le campagne d’odio, con gli slogan “ è sempre colpa dell’altro” : rimbocchiamoci le maniche e con umiltà lavoriamo per rafforzare una realtà vesuviana che può offrire molto agli ercolanesi”. In sintesi : Fiengo pronto al dare il massimo per la città , in sinergia con le forze in campo tutte e sempre fiero delle proprie origini.

Alfonso Maria Liguori



Share
Condividi
PrecedenteLa camorra vesuviana e le elezioni nazionali: allerta massima
SuccessivoBlitz della guardia di finanza sui Monti Lattari: sequestrate 250 tonnellate di rifiuti pericolosi
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.