Stesa di camorra, terrore a Portici: nel mirino boss del clan Vollaro

Secondo quanto riportato dalle forze dell'ordine, nello stabile abita un 38enne sorvegliato speciale, ritenuto l’attuale reggente del clan Vollaro

0
1918

Luigi Vollaro califfo porticiEnnesima stesa di camorra la scorse notte a Portici. Colpi d’arma da fuoco sono stati infatti esplosi in via Cellini, sulla porta di ingresso di un condominio al piano terra. Infranti anche i vetri della portineria, dove sono stati trovati tre buchi. Secondo quanto riportato dalle forze dell’ordine, nello stabile abita un 38enne sorvegliato speciale, ritenuto l’attuale reggente del clan Vollaro. Sono in corso indagini. I carabinieri della Compagnia di Torre del Greco si sono recati sul posto per i rilievi balistici.




L’episodio potrebbe rivelarsi pericoloso. Non è infatti da escludere che una tale prova di forza, sotto la casa di un presunto boss, possa portare a risposte e quindi ad un inasprimento delle rivalità locali. Gli investigatori starebbero visionando i filmati delle telecamere di sicurezza presenti in zona per ricostruire l’esatta dinamica del raid e risalire all’identità dei responsabili. Un segnale preoccupante che per Radio Mala potrebbe essere l’inizio di una nuova guerra di camorra per il controllo degli affari illeciti sul territorio.

Egemone da sempre a Portici il clan Vollaro, fondato dal defunto ras Luigi , alias O’ Califfo. Luigi Vollaro , il padrino della camorra vicino ai vertici della Nuova Famiglia e in particolare del ras Carmine Alfieri. Lo pseudonimo di “califfo” gli viene attribuito negli ambienti di mala per la sua grande fecondità: 27 figli avuti da una decina di relazioni. Il clan Vollaro, particolarmente attivo nel traffico di stupefacenti e nel racket, ha combattuto due grandi guerre di camorra: la prima tra il 1977 e il 1997 dettata da scissioni interne che provocarono una ventina di omicidi e l’altra negli ultimi mesi del 2001 e i primi del 2002 contro il clan Cozzolino di Ercolano. Nel 1982 una pesante tegola si è abbattuta sul boss di Portici: è stato infatti condannato all’ergastolo per l’omicidio del 24enne Giuseppe Mutillo (affiliato agli stessi Vollaro) avvenuto nel 1980.




Il secondo ergastolo è arrivato per il “califfo” nel 2003 per l’omicidio di Carlo Lardone, un altro gregario dei Vollaro. Nello specifico sembra che Lardone abbia pagato con la vita l’intenzione di rivelare ai giudici numerosi reati commessi dal clan e le collusioni tra i Vollaro e alcuni politici nel sistema degli appalti truccati. Stroncato da un infarto in carcere nel 2015 Luigi Vollaro appare come il patriarca di una stirpe apparsa non sempre all’altezza, criminalmente parlando, del ruolo ricoperto da Luigi Vollaro all’interno della Nuova Famiglia. Una circostanza questa, ovvero l’inadeguatezza del riciclo generazionale, che avrebbe penalizzato nel tempo i clan che componevano la cupola di un’associazione camorristica talmente potente e temuta da essere menzionata nei libri di educazione civica in uso nelle scuole dell’obbligo.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteLa Bohème di Puccini torna al San Carlo di Napoli
SuccessivoPimonte, svolta renziana per Palummo: tutti al convegno di Civica Popolare
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.