Raddoppio binario Circum e riqualificazione Marina di Stabia, quanti progetti nel 2018! Ma l’amministrazione tace

Le opposizioni attaccano e chiedono risposte sia per il progetto Eav che per quello di Marina di Stabia

1483

marina di stabiaE’ partito con il botto il 2018 a Castellammare. Nel giro di pochi giorni, due progetti stanno caratterizzando l’opinione pubblica stabiese: il raddoppio del binario della linea Eav Torre Annunziata – Sorrento e la riqualificazione dell’area nord, nei pressi di Marina di Stabia. Due opere che superano abbondantemente la cifra complessiva dei cento milioni di euro. Sono anche dei lavori, però, che rischiano di modificare per sempre l’assetto urbanistico della città. Nonostante ciò, da Palazzo Farnese nessuno commenta, nessuno chiarisce.




Ma andiamo con ordine. La bomba del raddoppio del binario Circum e della successiva creazione dei sottopassaggi a via Cosenza, fu lanciata dal consigliere comunale di opposizione, Gaetano Cimmino. Fu il primo, infatti, ad illustrare alla città i tratti salienti di un progetto che avrebbe trasformato l’area del San Marco. Da quel momento, gli stabiesi hanno appreso e condannato i lavori che dovrebbero durare per i prossimi due anni. L’aspetto che preoccupa maggiormente, però, è che questo progetto venne già bocciato nel lontano 2000 dall’amministrazione di Castellammare mentre ora è stato nuovamente riproposto e approvato senza l’ok del consiglio comunale.




Se nel caso di Marina di Stabia bisogna attendere ancora l’autorizzazione dal Comune, per la linea Eav già sono partiti i lavori per la costruzione di Stabia Scavi, la stazione che sostituirà Via Nocera. Entro qualche mese dovrebbe essere interessata anche via Cosenza. Fa discutere, però, la scelta dell’Eav di raddoppiare il binario. Infatti, quest’ultimo verrebbe garantito solamente fino a Castellammare Centro e non coprirebbe anche la tratta con Sorrento. Di conseguenza si tratterebbe di un’opera inutile che rischia di stravolgere per sempre il rione San Marco. L’amministrazione, che non ha mai discusso di ciò in consiglio comunale, non commenta.

Progetto di Marina di Stabia

A Marina di Stabia, dopo aver terminato il porto turistico nel 2007, si sta pensando di riqualificare le opere già a terra e creare un centro residenziale per i turisti che arriveranno Marina di Stabiaa Castellammare. Un progetto imponente che comporterebbe 204 appartamenti, 30 negozi, uffici, un’area verde per la città. Il tutto abbattendo gli ex capannoni industriali. Tutto molto bello, senza dubbio. Il progetto è stato lanciato su YouTube e ripreso ieri mattina da Metropolis. Nel pomeriggio, però, il video è stato cancellato per motivi oscuri.




Senza ombra di dubbio l’idea dell’Od’a, Officina d’Architettura, potrebbe trasformare l’area ex industriale di Castellammare nord. Ma ci sono alcuni interrogativi da risolvere: chi finanzierà il progetto? Chi lo ha presentato? Il Comune ha dato l’ok per la costruzione di nuovi appartamenti con il rischio di stravolgere il piano regolatore? Perchè altro cemento? Castellammare non ha bisogno di altre case. La vocazione turistica può essere raggiunta anche in altri modi. Nel video si parla dell’inizio dei lavori nel 2018 ma fino a ieri nessuno era a conoscenza di tutto ciò. Anche al Comune.

Il silenzio dell’amministrazione

Chi potrebbe chiarire il tutto è sicuramente l’amministrazione guidata dal sindaco Toni Pannullo. Nessuno, però, ha commentato questi due grandi progetti milionari in programma per la città di Castellammare. Gli stabiesi non chiedono altro che garanzie e una spiegazione dalla politica cittadina che al momento forse è troppo impegnata nella scelta dei nomi per le prossime politiche di marzo.




Le opposizioni attaccano e chiedono risposte sia per il progetto Eav che per quello di Marina di Stabia. Fino a ieri, però, neanche a Palazzo Farnese sapevano dell’idea degli imprenditori per la riqualificazione dell’area nord. Si attende, nell’immediato futuro, un riscontro dai vertici di Palazzo Farnese così da eliminare tutti i dubbi. Almeno si spera.



Share