Teatro Augusteo di Napoli: è di scena Lello Arena con “Parenti serpenti”

La trama di “Parenti serpenti” è ricca di tragico umorismo, in quanto nel corso della messa in scena prende corpo la tragica decisione dei figli dei protagonisti

648

Al teatro Augusteo di Napoli, fino al 21 gennaio, è di scena Lello Arena in “Parenti serpenti”, spettacolo che si rifà all’omonimo film diretto a Mario Monicelli, adattato per il tetro da Carmine Amoroso. .Un lavoro, prodotto da Ente Teatro Cronaca Vesuvioreatro, che mette in risalto il lato negativo dell’animo umano, rilevato a mano a mano dallo spettatore, attraverso il racconto scenico, l a regia è di Luciano Melchionna. Uno dei protagonisti .come abbiamo accennato è Lello Arena, il quale ci ha divertito un tempo con il trio “la smorfia” che si avvaleva della partecipazione del compianto Massimo Troisi.




“La trama di “Parenti serpenti” è ricca di tragico umorismo, in quanto nel corso della messa in scena prende corpo la tragica decisione dei figli dei protagonisti, i quali , solo per il proprio tornaconto, progettano di uccidere i loro genitori , per non avere obblighi e, soprattutto, fastidi.

“Nell’epilogo, afferma il regista, i due poveri anziani , al fianco della bombola di gas ( (che farà da boia alla loro esecuzione) assisteranno al macabro ballo dei figli in platea: è’ l’apologia del cinismo, continua il regista, di una storia il cui racconto si fa sempre più nero con l’avvicinarsi della fine e l’approssimarsi della realizzazione della decisione paradossale da parte dei figli di sopprimere i propri genitori per evitare che si trovino scomodi nelle proprie abitazioni”. Con Lello Arena, sul palco: Giorgia Tasselli, Raffaele Ausiello, Andrea de Goysueta, Carla Ferrari, Autilia Ranieri, Annarita Vitolo e Fabrizio Nona.

Federico Orsini



Share