Spaccio di droga ed estorsione, blitz tra Paestum e Scalea: 12 arresti

L'indagine è partita nel luglio 2016 con l’arresto di un pregiudicato di Trentinara accusato di detenzione ai fini di spaccio

1555

marijuanaManette ai polsi per un gruppo criminale dedito alla detenzione e allo spaccio di stupefacenti. Nelle prime ore della mattinata di ieri a Capaccio-Paestum, Roma e Scalea , i carabinieri della Compagnia di Agropoli, supportati dai reparti territorialmente competenti, dal Nucleo Cinofilo di Sarno e dal 7° Nucleo Elicotteri di Pontecagnano, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 12 indagati (destinatari della misura degli arresti domiciliari), ritenuti responsabili di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti in concorso, nonché, per due di loro, anche di estorsione.




Sono state eseguite nei confronti di altri quattro indagati altrettante ordinanze applicative della misura del divieto di dimora nella provincia di Salerno per detenzione e cessione di sostanze stupefacenti. L’indagine è partita nel luglio 2016 con l’arresto di un pregiudicato di Trentinara accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo aveva denunciato il proprio fornitore di droga operante nella Piana del Sele, poiché, con minacce e violenze, lo aveva costretto a pagare il prezzo dello stupefacente che in precedenza gli aveva ceduto.

I carabinieri hanno così potuto ricostruire una serie di episodi di spaccio di cocaina, marijuana e hashish da parte degli indagati in una vasta zona del Salernitano. Le indagini hanno inoltre consentito di individuare un gruppo di spacciatori operante nel comune di Capaccio-Paestum che acquistavano la droga all’ingrosso a Napoli per rivenderla nei comuni di Agropoli, Albanella, Battipaglia, Capaccio Paestum, Campagna, Castellabate, Castelnuovo Cilento, Ceraso, Ogliastro Cilento, Roccadaspide e Vallo della Lucania.




In seguito al lavoro di intelligence sono stati arrestati, in flagranza, sei indagati e sequestrati 60 grammi di cocaina, 30 di marijuana e 600 di hashish. Uno degli indagati perquisiti, destinatario della misura degli arresti domiciliari, questa mattina è stato arrestato in flagranza a Capaccio e portato in carcere poiché trovato in possesso di 9 grammi di cocaina e di un bilancino di precisione.

Alfonso Maria Liguori



Share
Condividi
PrecedenteTorre del Greco: centrodestra, fatti i primi nomi dei candidati sindaco
SuccessivoGuai con il fisco: sequestro da 800mila euro a Teverola e a Lusciano
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.