Minorenni armati e rapinatori: continua l’operazione anti baby gang a Napoli e provincia

E ancora sempre sul fronte della lotta ai baby criminali : i carabinieri della stazione di Saviano hanno denunciato per furto con destrezza un 14enne di Cicciano e un 14enne di Camposano

525

scippa napoliNell’ambito del progetto “Sicurezza giovani”, che vede sinergicamente impegnate tutte le forze di Polizia nella prevenzione e controllo del fenomeno della violenza giovanile, sono stati predisposti mirati servizi nelle principali aree di aggregazione dei giovani. Ieri sera, pochi minuti dopo la mezzanotte, una pattuglia del commissariato di Polizia San Giovanni Barra ha notato quattro ragazzini in via Parrocchia a ridosso del complesso edilizio denominato “Bronx”.




I quattro, un 14enne e tre 15enni, alla vista della Polizia hanno tentato di scappare in Via taverna del Ferro. I giovani sono stati inseguiti e bloccati dai poliziotti, che hanno notato il 14enne mentre tentava di disfarsi di un coltello a serramanico, prontamente recuperato. Gli agenti hanno sottoposto a sequestro l’arma bianca con una lama di 6 cm , denunciando all’Autorità Giudiziaria il minorenne per il reato di porto abusivo di armi. Tutti e quattro i minori sono stati riaffidati ai genitori. E ancora sempre sul fronte della lotta ai baby criminali : i carabinieri della stazione di Saviano hanno denunciato per furto con destrezza un 14enne di Cicciano e un 14enne di Camposano, identificando anche suo fratello di 13 anni, non imputabile.




I militari hanno accertato che la sera del 19 gennaio, tutti e 3 su uno scooter, senza casco e senza assicurazione, dopo aver affiancato una 73enne del luogo che pedalava sulla sua bici, le hanno strappato via dal cestino la borsa contenente documenti e 70 euro. I 2 fratelli risultano già segnalati all’ Autorità Giudiziaria : il 14enne per tentato furto in abitazione. Lo scorso 30 settembre fu sorpreso dai carabinieri di Cimitile nel cortile di un’abitazione insieme a un maggiorenne, anche lui denunciato. Il 13enne, invece, il pomeriggio dell’8 novembre rapinò un coetaneo alla stazione circum di Marigliano :lo aggredì, gli portò via il cellulare e fuggì.

Alfonso Maria Liguori