Tentato omicidio a Napoli: accoltellato 24enne per futili motivi

Il coltello è stato sottoposto a sequestro unitamente agli abiti indossati dall’aggressore, anche questi intrisi di sangue

396

napoli aggressione coltelloGli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Campania hanno arrestato un giovane 26enne del Mali per il reato di tentato omicidio. I poliziotti durante il controllo del territorio, mentre transitavano in Via Pietro Colletta, sono stati avvicinati da un 24enne malese che era stato appena accoltellato alla schiena da un suo connazionale per futili motivi. La vittima è riuscita ad indicare il suo aggressore, che ha tentato di scappare in direzione di Via San Nicola dei Caserti, ma è stato prontamente inseguito e bloccato in Piazza Calenda dai poliziotti. A pochi metri di distanza, in Via Pietro Colletta, gli agenti hanno quindi rinvenuto un coltello a serramanico di circa 16 cm, di cui 7 di lama.




Il coltello è stato sottoposto a sequestro unitamente agli abiti indossati dall’aggressore, anche questi intrisi di sangue. Il cittadino malese è stata condotto in ospedale : necessario il ricovero d’urgenza con una diagnosi di ferita da punta e taglio emitorace posteriore sinistro e prognosi riservata. Il 26enne è stato condotto presso la casa circondariale di Poggioreale. Ancora violenza tra extracomunitari, ancora risse tra cittadini stranieri che sempre più spesso degenerano in veri e propri scontri all’ultimo sangue.

Ancora una volta i residenti chiedono maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine , soprattutto all’imbrunire e nel weekend quando aggressioni, furti e rapine aumentano esponenzialmente. Sicuramente le istituzioni prenderanno atto di un’emergenza che di questo passo rischia di cronicizzarsi : alla politica l’onere di intervenire concretamente per quanto meno arginare il mare di guano che rischia di far implodere miseramente su se stessa la capitale del Mediterraneo.

Alfonso Maria Liguori



Condividi
PrecedenteCatturato il capoclan dei Polverino: arrestato il latitante Antonio Polverino
SuccessivoChoc a Napoli: 15enne va in giro con i coltelli insieme al fratello di 12 anni
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.